Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La miracolosa storia di Theo, il neonato sopravvissuto a 25 infarti in un giorno

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Il bambino ha solo un anno e mezzo e ha subito 17 operazioni a causa di un grave problema al cuore

Ha già commosso la Gran Bretagna e ora la storia del piccolo Theo Fry si appresta a conquistare il mondo. Il 31 gennaio del 2017, il piccolo Theo, che oggi ha un anno e mezzo, ha subito 25 attacchi di cuore. Tutti in un solo giorno.

Aveva appena otto giorni, il piccolo, quando la sua storia drammatica è iniziata. Oggi, quasi 19 mesi dopo, Theo ha subito ben 17 operazioni. Alla base di tutto, uno scompenso cardiaco e un problema all’aorta particolarmente grave. Anche le pareti del suo cuoricino erano malate e così il piccolo ha affrontato i primi mesi tra la vita e la morte.

A salvarlo sono stati gli interventi d’urgenza portati a termine sempre con successo dagli specialisti dell’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool e, soprattutto, la sua immensa forza. Theo, infatti, ha dimostrato una grandissima capacità di recupero, senza la quale non ce l’avrebbe fatta.

I genitori di Theo hanno passato un vero e proprio inferno tra i corridoi bianchi dell’ospedale, con la paura ogni volta che il loro splendido bambino non ce la facesse. “Tutti si aspettavano che Theo morisse”, ha detto la madre, Fauve Syers. “Ora ha una tale gioia per la vita. È veramente un miracolo… Tutti quelli che lo vedono trovano che sia felice. È incredibile quello che ha passato. È così forte”, ha continuato la mamma.

Il chirurgo Ramana Dhannapunen, uno dei medici del team che ha eseguito le operazioni sul cuoricino del bambino – ha affermato che “Theo ha subito il maggior numero di arresti cardiaci di cui ho sentito parlare, un caso rarissimo. Per salvarlo abbiamo dovuto intervenire subito poiché non sarebbe sopravvissuto molto più a lungo. La sua guarigione ora è qualcosa di incredibile”.

L’ospedale di Liverpool in cui il piccolo Theo è stato ricoverato a lungo è lo stesso in cui stava Alfie Evans, il bimbo affetto da una grave malattia neurodegenerativa conosciuto da tutto il mondo per la battaglia giuridica tra Corte d’appello e genitori per permettere alla mamma e al papà del piccolo di trasferirlo al Bambin Gesù di Roma. Alfie non è mai arrivato nell’ospedale romano, è morto il 27 aprile del 2018, a meno di due anni.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati
Esteri / Il Brasile ha affondato nell’oceano una vecchia portaerei piena di amianto e rifiuti tossici
Esteri / Bobi è il cane più vecchio del mondo: ha 30 anni
Esteri / La figlia di Madonna, Lourdes Leon Ciccone, è stata cacciata dalla sfilata di Marc Jacobs