Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le navi da guerra del Giappone si uniscono a quelle statunitensi a largo della Corea del Nord

Immagine di copertina

La portaerei Carl Vinson si sta dirigendo da Singapore verso il mar della Cina orientale per scoraggiare i test missilistici di Pyongyang

Il Giappone ha deciso di inviare numerose navi militari verso una portaerei statunitense che si sta dirigendo verso la penisola coreana. Lo scopo è quello di scoraggiare la Corea del Nord dal portare avanti test nucleari e lanci di missili.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo le agenzie di stampa Reuters e Kyodo le forze di difesa giapponesi raggiungeranno la Uss Carl Vinson per entrare poi nel mare della Cina orientale.

Il presidente cinese Xi Jinping aveva invocato l’allentamento delle tensioni nell’area. Trump aveva annunciato di essere deciso a prendere provvedimenti contro il regime di Pyongyang con o senza l’ausilio della Cina.

La portaerei statunitense si sta muovendo da Singapore verso la Corea del Nord. Secondo molti osservatori Kim Jong-un potrebbe decidere di avviare nuovi test missilistici in occasione dell’anniversario della nascita di Kim Il-sung, il fondatore dello stato.

I provvedimenti già presi dalla Cina per contrastare la minaccia nordcoreana si sono limitati all’ambito commerciale: sono state bloccate le importazioni di carbone e le navi commerciali sono state richiamate.

Secondo le fonti, le navi giapponesi e quelle americane parteciperanno a esercitazioni congiunte. La Carl Vinson è alimentata da due reattori nucleari e trasporta 100 velivoli. Il gruppo di attacco comprende cacciatorpedinieri e incrociatori.

L’11 aprile la Corea del Nord aveva annunciato “conseguenze catastrofiche” in caso di ulteriori provocazioni da parte degli Stati Uniti. “La Corea del Nord è pronta a reagire a ogni tipo di guerra desiderata dagli Stati Uniti”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri della Corea del Nord. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron