Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Navalny spiato dagli 007 russi prima dell’avvelenamento”: la rivelazione dalla stampa di Mosca

Immagine di copertina

Alexei Navalny, il leader dell’opposizione ricoverato da venerdì alla Charitè di Berlino dopo un probabile avvelenamento, era seguito dagli agenti segreti russi. A rivelare la notizia è il quotidiano russo Moskovskij Komsomolets, che cita fonti dell’intelligence. L’oppositore anti-Putin è stato seguito durante il suo viaggio in Siberia prima dell’avvelenamento, avvenuto giovedì presumibilmente presso l’aeroporto di Tomsk.

Secondo il quotidiano moscovita, Navalny era stato seguito nel suo appartamento, spiato dagli agenti dell’Fsb mentre ordinava sushi e seguito in un negozio. “Non ci sorprende affatto”, ha dichiarato la portavoce di Navalny, Kyra Yarmish, “eravamo consapevoli del fatto di essere seguiti. Succede sempre quando Alexei si reca nelle regioni per un viaggio di lavoro”. A stupire – semmai – è che Mosca abbia deciso di “rivelarlo al pubblico in modo così casuale, come se non fosse un problema seguire i normali cittadini”. “Se avete controllato Navalny così intensamente, come mai è finito in coma?”, ha dichiarato il politico dell’opposizione Ilja Jaschiin, rivolgendosi polemico ai servizi segreti russi.

Per il momento, sulle condizioni di salute di Navalny non ci sono sostanziali novità, e l’ospedale dove è ricoverato ha fatto sapere che lo aspetta “un’approfondita e ampia serie di esami”. La polizia tedesca ha riconosciuto ieri al leader lo status di “ospite della cancelliera” per garantirgli il massimo della sicurezza per il rischio di un possibile attentato. Per ottenere il trasferimento del leader anti-Putin a Berlino, Angela Merkel ha chiesto la mediazione del presidente finlandese Sauli Niinistö – come ha confermato lui stesso – evitando che la mossa di prestare rifugio e cure a Navalny fosse vista da Mosca come un’ingerenza interna.

Leggi anche:1. Russia, il video in aereo dell’oppositore di Putin che grida di dolore: “L’hanno avvelenato” / 2. Russia, approvata la riforma della Costituzione: Putin potrà governare fino al 2036 / 3. L’ascesa della Russia di Putin non passa solo dalla Siria

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass