Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’India sta costruendo un muro “per nascondere i poveri alla vista di Trump” durante la sua visita

Immagine di copertina
Il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente Donald J. Trump. Credit: EPA/PATRIC SCHNEIDER

L'appaltatore incaricato dei lavori ha dichiarato che Delhi "non voleva che si vedesse lo slum" al passaggio del presidente Usa. E ha aggiunto: “Ci sono 150 muratori al lavoro 24 ore su 24 per completare il progetto"

L’India sta costruendo un muro “per nascondere i poveri alla vista di Trump” durante la sua visita

Un altro muro viene costruito per il presidente statunitense Donald Trump, ma questa volta in India. Quando il presidente Usa andrà in visita nella città di Ahmedabad, nello stato del Gujarat, tra il 24 e il 25 febbraio non vedrà la baraccopoli adiacente in cui vivono 800 famiglie indigenti. Il governo indiano ha infatti ordinato la costruzione di un muro lungo 400 metri e alto oltre due per nascondere i poveri alla vista di Trump.

Un funzionario del governo del Gujarat ha detto che il muro è stato costruito per motivi di sicurezza, non per nascondere il quartiere dei bassifondi. Ma Reuters ha interpellato l’appaltatore incaricato dei lavori che ha dichiarato invece Delhi “non voleva che si vedesse lo slum” al passaggio di Melania e Trump.

“Mi è stato ordinato di costruire un muro il più presto possibile. Oltre 150 muratori stanno lavorando 24 ore su 24 per completare il progetto“, ha detto l’uomo in forma anonima.

Per la visita di Trump in India è stato predisposto un percorso che va dall’aeroporto allo stadio di Ahmedabad, dove è previsto l’evento “Kem Chho Trump” (“Come stai, Trump”) organizzato dal primo ministro Narendra Modi per il quale sono attese 5/6 milioni di persone.

“La povertà e le baraccopoli sono la realtà della nostra vita, ma il governo di Modi vuole nascondere i poveri“, ha dichiarato Parvatbhai Mafabhai, un operaio che vive in zona da oltre 30 anni. Anche un funzionario del governo ha successivamente ammesso che il muro rientrava in un progetto di “abbellimento e pulizia”.

L’evento offre a Trump l’opportunità di “corteggiare” i migliaia di elettori indiani-americani in vista delle elezioni presidenziali statunitensi a novembre 2020.

trump india muro

India Pakistan, reportage dal confine più pericoloso del mondo

Leggi anche:
Il muro di Trump non regge al vento: crollata una sezione della barriera
Le altalene rosa che abbattono il muro tra Messico e Usa: l’installazione contro ogni divisione
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue