Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Germania, attentato a Munster: cosa sappiamo finora

Immagine di copertina
Cosa sappiamo finora sull'attentato di Munster in Germania.

Nel pomeriggio di sabato 7 aprile un uomo tedesco di 49 anni con problemi psichici ha travolto la folla nella città vecchia di Munster, in Germania, a bordo di un furgone. Ecco un riassunto di quello che è successo

Nel pomeriggio di sabato 7 aprile un furgone ha investito i passanti nella città vecchia di Münster, in Germania, causando la morte di 3 persone e ferendone altre decine (6 sono in gravi condizioni). Ecco un riassunto di quello che sappiamo finora:

– Intorno alle 15:27 di sabato 7 aprile 2018 un uomo a bordo di un furgone è piombato sulla folla investendo diverse persone. Le autorità parlano di 3 morti, tra cui lo stesso conducente, e di decine di feriti. Fra questi, 6 sono in gravi condizioni.

– Gli inquirenti hanno riferito che non ci sono indicazioni che si tratti di terrorismo. Il ministro dell’Interno del NordReno-Vestfalia Herbert Reul ha infatti negato un collegamento con organizzazioni legate al terrorismo.

– Il conducente del furgone e responsabile dell’attacco a Munster è un cittadino tedesco di 49 anni con problemi psichici. Le autorità lo hanno identificato con il nome di Jens R. Handeln, il quale si è suicidato sparandosi alla testa subito dopo aver compiuto l’attacco. L‘uomo, già nel 2014 e nel 2016, si era fatto notare per instabilità psichica.

– L’attacco è avvenuto nei pressi della statua di Kiepenkerl, nella città vecchia. Münster si trova nella Renania Settentrionale-Vestfalia, nell’ovest della Germania.

– Il governo tedesco, tramite la portavoce Ulrike Demmer, ha commentato “le terribili notizie da Munster” e “ha espresso la propria vicinanza alle vittime e ai familiari”.

– Il ministero degli Esteri italiano è al lavoro per verificare se vi fossero presenti italiani coinvolti nel corso dell’attacco.

– A dicembre del 2016 un tir aveva travolto la folla presso il mercatino di Natale Breitscheidplatz, a Berlino, provocando la morte di 12 persone, tra cui anche una ragazza italiana, e ferendone oltre 40. Quell’attentato venne rivendicato dall’Isis.

– L’attentatore, il tunisino Anis Amri, venne poi ucciso il 23 dicembre 2016 dalla polizia italiana a Sesto San Giovanni, nella periferia di Milano, in seguito alla sua fuga. A fine marzo di quest’anno, proprio pochi giorni fa, la polizia italiana ha sgominato la rete dei contatti italiani di Amri grazie a un’operazione antiterrorismo.

– Le autorità tedesche confermarono che si trattò di un attentato dalla dinamica molto simile a quella dell’attacco di Nizza del 14 luglio, in cui un uomo a bordo di un camion ha travolto la folla sul lungomare della città della Costa Azzurra, uccidendo oltre 80 persone.

– Nel corso degli ultimi due anni, gli attentati con veicoli utilizzati come “armi” sono stati molteplici. Dai camion ai van, passando per i furgoni rubati o affittati, sono in grande crescita gli eventi tragici in cui non sono più solo le armi a essere protagoniste, ma anche e soprattutto i veicoli.

– Da Berlino a Barcellona, passando per Nizza e ora Munster, la lista degli attentati con furgoni, van, tir e più genericamente veicoli su quattro ruote è lunga. Ed è proprio l’elemento “sorpresa” che ha reso difficile prevenire l’attacco di aggressori e miliziani fedeli all’Isis in giro per l’Europa, spesso chiamati “lupi solitari”. Qui l’articolo completo.

• Attentato Munster Germania | L’attentatore è un tedesco con problemi psichici: 3 morti | Diretta

• Le prime foto dell’attacco con furgone a Münster, in Germania

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga