Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home

Le prime foto dell’attacco con furgone a Münster, in Germania

Immagine di copertina
Le prime foto dell'attacco con furgone a Munster, in Germania.

Ecco le prime immagini dell'attacco con furgone avvenuto nella città vecchia di Münster, che è costato la vita a 3 persone

Sabato 7 aprile 2018 un furgone è piombato sulla folla nella città di Münster, in Germania. Ci sono almeno 3 morti e decine di feriti, di cui sei gravi. Secondo la polizia, il conducente del furgone è un cittadino tedesco di 49 anni già noto per problemi psichici. • Cosa sappiamo finora

I media locali hanno riferito che il suo nome è Jens R. Handeln. Si è suicidato sparandosi alla testa. Gli inquirenti sostengono che non ci sono indicazioni che si tratti di terrorismo.

L’attacco è avvenuto nei pressi della statua di Kiepenkerl, nella città vecchia. Münster si trova nella Renania Settentrionale-Vestfalia, nell’ovest della Germania.

Il governo tedesco, tramite la portavoce Ulrike Demmer, ha commentato “le terribili notizie da Munster” e “ha espresso la propria vicinanza alle vittime e ai familiari”. Il ministero degli Esteri italiano è al lavoro per verificare se vi fossero presenti italiani coinvolti nel corso dell’attacco.

Da Berlino a Barcellona, passando per Nizza e ora Munster, la lista degli attentati con furgoni, van, tir e più genericamente veicoli su quattro ruote è lunga. Ed è proprio l’elemento “sorpresa” che ha reso difficile prevenire l’attacco di aggressori e miliziani fedeli all’Isis in giro per l’Europa, spesso chiamati “lupi solitari”. Qui l’articolo completo.

I precedenti

A dicembre del 2016 un tir aveva travolto la folla presso il mercatino di Natale Breitscheidplatz, a Berlino, provocando la morte di 12 persone, tra cui anche una ragazza italiana, e ferendone oltre 40. Quell’attentato venne rivendicato dall’Isis.

L’attentatore, il tunisino Anis Amri, venne poi ucciso il 23 dicembre 2016 dalla polizia italiana a Sesto San Giovanni, nella periferia di Milano, in seguito alla sua fuga. A fine marzo di quest’anno, proprio pochi giorni fa, la polizia italiana ha sgominato la rete dei contatti italiani di Amri grazie a un’operazione antiterrorismo.

Le autorità tedesche confermarono che si trattò di un attentato dalla dinamica molto simile a quella dell’attacco di Nizza del 14 luglio, in cui un uomo a bordo di un camion ha travolto la folla sul lungomare della città della Costa Azzurra, uccidendo oltre 80 persone.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Indiscreto, Salvini pensa a Cassese per accontentare Draghi nel prossimo settennato
Opinioni / Il prezzo della politica (di G. Gambino)
TV / Amici 2021-2022 domenica 30 gennaio non andrà in onda
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Indiscreto, Salvini pensa a Cassese per accontentare Draghi nel prossimo settennato
Opinioni / Il prezzo della politica (di G. Gambino)
TV / Amici 2021-2022 domenica 30 gennaio non andrà in onda
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone e Vergine | Venerdì 28 gennaio 2022
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci | Venerdì 28 gennaio 2022
Cronaca / Inps, arriva il servizio “Pensami”: aiuterà le persone a conoscere il loro futuro pensionistico
Cronaca / Quirinale, una dodicenne si fa portare a Roma per l’elezione: “Da grande farò politica”
TV / Anticipazioni Uomini e Donne oggi, 27 gennaio 2022 | Trono Classico e Over
Opinioni / Indiscreto: qualunque Presidente verrà eletto, non c’è più l’unità nazionale per andare avanti
Cronaca / Green pass, durata illimitata per i guariti e chi è vaccinato con la terza dose