Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nel mondo una morte su dieci è causata dal fumo

Immagine di copertina

La metà di queste morti si verifica in soli quattro paesi: Cina, India, Stati Uniti e Russia. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet

Una persona su dieci che muore nel mondo è uccisa dal fumo. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La metà di queste morti si verifica in soli quattro paesi: Cina, India, Stati Uniti e Russia.

Nonostante decenni di politiche di controllo del tabacco, la crescita della popolazione ha visto un aumento del numero di fumatori. 

I ricercatori hanno detto che la mortalità potrebbe crescere ulteriormente a causa dell’aggressività delle aziende del tabacco che entrano nei nuovi mercati dei paesi in via di sviluppo.

“Nonostante più di mezzo secolo di prove inequivocabili sugli effetti nocivi del tabacco sulla salute, oggi una persona su quattro è ancora un fumatore abituale”, ha detto l’autrice della Emmanuela Gakidou.

“Il fumo rimane il secondo più grande fattore di rischio per morte prematura e disabilità”, ha aggiunto. 

Un rapporto del Global Burden of Diseases basata sulle abitudini dei fumatori in 195 paesi tra il 1990 e il 2015, ha riscontrato che nel 2015 quasi un miliardo di persone ha fumato ogni giorno: uno su quattro erano uomini e uno su 20 donne.

La situazione è leggermente migliorata rispetto al 1990 quando erano fumatori un uomo su tre e una donna su 12. Tuttavia, la crescita della popolazione ha significato che c’è stato un aumento del numero complessivo dei fumatori, rispetto agli 870 milioni del 1990.

E il numero di decessi legati al tabacco, più di 6,4 milioni nel 2015, è aumentato del 4,7 per cento rispetto al 1990.

Alcuni paesi sono riusciti a spingere i loro cittadini a smettere di fumare, per lo più attraverso una combinazione di tasse più alte e di campagne di avvertenze sui pacchetti. 

Negli ultimi 25 anni, il Brasile aveva visto la percentuale di fumatori quotidiani cadere dal 29 per cento al 12 per cento tra gli uomini e dal 19 per cento all’8 per cento tra le donne.

Al contrario la Russia ha visto il fumo tra le donne aumentare del 4 per cento rispetto al 1990 periodo e tendenze simili stavano emergendo in alcune parti dell’Africa. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa