Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nel mondo una morte su dieci è causata dal fumo

Immagine di copertina

La metà di queste morti si verifica in soli quattro paesi: Cina, India, Stati Uniti e Russia. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet

Una persona su dieci che muore nel mondo è uccisa dal fumo. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La metà di queste morti si verifica in soli quattro paesi: Cina, India, Stati Uniti e Russia.

Nonostante decenni di politiche di controllo del tabacco, la crescita della popolazione ha visto un aumento del numero di fumatori. 

I ricercatori hanno detto che la mortalità potrebbe crescere ulteriormente a causa dell’aggressività delle aziende del tabacco che entrano nei nuovi mercati dei paesi in via di sviluppo.

“Nonostante più di mezzo secolo di prove inequivocabili sugli effetti nocivi del tabacco sulla salute, oggi una persona su quattro è ancora un fumatore abituale”, ha detto l’autrice della Emmanuela Gakidou.

“Il fumo rimane il secondo più grande fattore di rischio per morte prematura e disabilità”, ha aggiunto. 

Un rapporto del Global Burden of Diseases basata sulle abitudini dei fumatori in 195 paesi tra il 1990 e il 2015, ha riscontrato che nel 2015 quasi un miliardo di persone ha fumato ogni giorno: uno su quattro erano uomini e uno su 20 donne.

La situazione è leggermente migliorata rispetto al 1990 quando erano fumatori un uomo su tre e una donna su 12. Tuttavia, la crescita della popolazione ha significato che c’è stato un aumento del numero complessivo dei fumatori, rispetto agli 870 milioni del 1990.

E il numero di decessi legati al tabacco, più di 6,4 milioni nel 2015, è aumentato del 4,7 per cento rispetto al 1990.

Alcuni paesi sono riusciti a spingere i loro cittadini a smettere di fumare, per lo più attraverso una combinazione di tasse più alte e di campagne di avvertenze sui pacchetti. 

Negli ultimi 25 anni, il Brasile aveva visto la percentuale di fumatori quotidiani cadere dal 29 per cento al 12 per cento tra gli uomini e dal 19 per cento all’8 per cento tra le donne.

Al contrario la Russia ha visto il fumo tra le donne aumentare del 4 per cento rispetto al 1990 periodo e tendenze simili stavano emergendo in alcune parti dell’Africa. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda