Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Miguel Diaz-Canel, il nuovo leader cubano?

Immagine di copertina

Non è un eroe nazionale come Fidel. Non ha il carisma del presidente Raul. Miguel Diaz-Canel, 52 anni, è il nuovo numero due del regime

Miguel Diaz-Canel nuovo leader cubano

Domenica scorsa l’Asamblea Nacional del Poder Popular, il Parlamento cubano, ha prolungato, per la seconda e ultima volta, il mandato quinquennale di Raul. Poi sarà quasi certamente Diaz-Canel, nominato primo vice presidente, a prendere il suo posto. E, stando alle dichiarazioni del lider maximo, ormai 81enne, ciò potrebbe accadere anche prima del 2018. Non è uno degli uomini che hanno lottato al fianco di Fidel. Miguel, l’homo novus a L’Avana, è il più giovane membro della leadership cubana, e non era ancora nato quando Fidel cominciava la sua rivoluzione, nel 1953.

Soprannominato il ‘Richard Gere cubano’, per i suoi capelli bianchi lucenti, il volto pulito e il portamento elegante, è pressoché sconosciuto alla politica internazionale. Già ingegnere elettronico e professore, una lunga militanza politica nel partito comunista, è stato apprezzato per le sue capacità amministrative e politiche nelle province in cui ha operato, Villa Clara e Holguin. Nel 2009 è stato nominato ministro de l’Educacion Superior. E oggi è uno degli uomini più fidati di Raul.

Un carattere diverso da quello del vulcanico Fidel, ai lunghi e pomposi discorsi dal carattere populista preferisce un approccio pragmatico e ponderato. Una scelta politicamente diversa, che Lopez Levy, analista per gli affari cubani all’Università di Denver, ha definito come “l’inizio dell’era post-castrista”.

Dopo le bocciature – vere e proprie purghe – toccate a leader del calibro di Carlos Lage e Felipe Perez Roque, definiti troppo ambiziosi e spesso in contrasto con i fratelli Castro, la scelta è ricaduta su un uomo leale e al contempo moderno, aperto alle riforme di cui Cuba ha bisogno. Un profilo che si distingue da una classe politica vetusta e che rigetta a priori influenze e visioni politiche occidentali.

Cuba sta lentamente cambiando. Sotto la guida di Raul, il Paese ha intrapreso il sentiero delle prime liberalizzazioni economiche, e Miguel Diaz Canel probabilmente continuerà su questa strada. La costituzione di aziende private, la compravendita di case e auto, l’introduzione di cooperative anche al di fuori del settore agricolo: riforme economiche e aperture sociali che riducono lo stringente controllo statale e aprono a diverse forme di mercato.

Miguel, esponente di una nuova generazione politica, dovrà anche gestire le cruciali relazioni con gli Stati Uniti. Oggi, l’ostacolo principale resta la leadership castrista. L’Helms-Burton Act, emanato dal Congresso degli Stati Uniti nel 1996, prevede il divieto di riconoscere lo Stato cubano fino a quando il nome Castro sarà legato alla guida del Paese. Ma ormai sanno tutti che è una questione di tempo. Cuba non diventerà un alleato degli Stati Uniti, ma sarà un partner con cui intrattenere relazioni economiche e diplomatiche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Putin: "Aperti al dialogo su stabilità e disarmo"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Putin: "Aperti al dialogo su stabilità e disarmo"
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI
Cronaca / Vertice Nato a Madrid, Biden: “Più truppe in Italia e Germania”
Esteri / La super-testimone mette nei guai Trump: “Voleva andare a Capitol Hill e unirsi alla folla armata”
Esteri / Usa, Instagram e Facebook rimuovono post che promuovono le pillole abortive
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: "Adesione di Svezia e Finlandia alla Nato è destabilizzante"
Esteri / Usa, un giudice della Louisiana ferma il divieto di aborto: “Le interruzioni riprendano subito”
Esteri / Raid russo sul centro commerciale di Kremenchuk: le impressionanti immagini dell'attacco