Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Germania, Merkel revoca il lockdown pasquale rafforzato. “È stato un mio errore, chiederò scusa ai cittadini”

Immagine di copertina
Angela Merkel Credits: ANSA

“È stato un errore solo mio, chiedo scusa ai cittadini”: così la cancelliera tedesca Angela Merkel fa marcia indietro sul lockdown rafforzato di Pasqua, che è stato quindi revocato. La notizia, che era stata anticipata pochi minuti prima dell’inizio di un nuovo vertice fra il governo e i Laender dall’agenzia tedesca Dpa e dal magazine Der Spiegel, è stata quindi ufficializzata dalla stessa Merkel con un clamoroso mea culpa destinato a entrare nella storia.

“Un errore deve essere indicato come errore e deve anche essere corretto – ha dichiarato la Merkel – So naturalmente, che l’intero processo sta causando ulteriore incertezza. Me ne rammarico profondamente e mi scuso con tutti i cittadini per questo”.

Al vertice di due giorni fa era stato deciso uno stop di tutte le attività fra il primo e il 5 aprile, con la chiusura perfino dei supermercati (ma era prevista un’eccezione per generi alimentari il sabato santo). Questa misura, che includeva dei ‘Ruhetage’, e cioè dei ‘giorni di sosta’ ulteriori rispetto ai festivi ordinari, ha provocato grande confusione ed è stata fortemente attaccata dal mondo economico.

Merkel, dunque, definisce il lockdown di Pasqua “un errore”. “Se possibile, deve essere corretto in tempo. Penso che sia ancora possibile”, aveva affermato la cancelliera nel corso del colloquio con i premier dei Laender.

Il provvedimento era stato concordato nella notte tra il 22 e 23 marzo scorso da Merkel con i primi ministri dei Laender. Il piano, severamente criticato da più parti, prevedeva un lockdown totale nei giorni di Pasqua al fine di abbattere la curva dei contagi.

Leggi anche: 1. Politica vs Scienza (di G. Gambino) / 2. Napoli, boom di assenze per il vaccino Astrazeneca dopo lo stop: il 60 per cento non si presenta / 3. Il tasso di mortalità tra i vaccinati è del tutto normale, e non dipende dai vaccini: i dati

4. È ora di commissariare la Sanità lombarda (di L. Zacchetti) / 5. Vaccini, campagna ancora a rilento: questa settimana solo 200mila somministrazioni al giorno / 6. Covid, quando si potrà tornare alla normalità? Le date possibili

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Esteri / Regno Unito, è morto Archie: i medici hanno staccato le macchine che lo tenevano in vita