Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

È stato contagiato il medico-eroe che aveva avvisato sul Coronavirus (e che la polizia cinese aveva zittito)

Immagine di copertina
Il dottor Li Wenliang. Foto Weibo

Il dottor Li Wenliang aveva pubblicato un messaggio in una chat di colleghi, ma la polizia lo ha accusato di diffondere notizie false. Dopo essere stato contagiato dal virus, ha raccontato la sua storia dal letto d'ospedale

È stato contagiato il medico-eroe che aveva avvisato sul Coronavirus (e che la polizia cinese aveva zittito)

È considerato un eroe adesso Li Wenliang, medico dell’ospedale centrale di Wuhan che aveva cercato di avvertire i colleghi sui rischi legati al coronavirus e che è stato contagiato. Ma alla fine di dicembre, quando Li pubblicò un post in una chat tra colleghi per mettere in guardia sul nuovo virus che si stava diffondendo, le autorità lo hanno obbligato a tacere, con la polizia che lo ha accusato di raccontare notizie false.

Li Wenliang ha raccontato la sua storia in un post pubblicato dal suo letto d’ospedale. “Ciao a tutti, sono Li Wenliang, oftalmologo al Wuhan Central Hospital”, comincia il suo post.

Il medico, che ha confermato alla Cnn di aver saputo sabato di essere stato contagiato, ora si trova ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale. La sua diagnosi ha suscitato indignazione in tutta la Cina, dove cresce la consapevolezza dell’iniziale tentativo delle autorità di tenere la malattia sotto silenzio.

La storia di Li testimonia infatti le carenze nella risposta delle autorità di Wuhan allo scoppio dell’epidemia di coronavirus. Anche il Comitato permanente dell’ufficio politico del Partito Comunista Cinese, massima autorità cinese, ha ammesso “mancanze” nella risposta del paese nella gestione delle prime fasi dell’epidemia.

La storia di Li Wenliang

A dicembre 2019 il dottor Li, oftalmologo 34enne che lavora a Wuhan, ha notato sette casi di un virus che somigliava alla Sars, che aveva causato un’epidemia globale nel 2003. Il 30 dicembre ha inviato un messaggio ai colleghi medici in una chat di gruppo, per avvisarli dell’epidemia e suggerire che indossassero indumenti protettivi per evitare l’infezione.

Pochi giorni dopo ha ricevuto una visita da funzionari dell’ufficio di pubblica sicurezza che gli hanno detto di firmare una lettera, che lo accusava di “fare commenti falsi” che avevano “disturbato gravemente l’ordine sociale”. Li temeva di essere arrestato e ha firmato la lettera.

Il post in cui Li pubblica la foto della lettera ricevuta dalla polizia (Weibo)

Il medico era una delle otto persone messe sotto inchiesta dalla polizia con l’accusa di “diffondere voci” sulla malattia. Alla fine di gennaio, Li ha pubblicato una copia della lettera su Weibo e ha spiegato cosa era successo.

Nel frattempo, le autorità locali si erano scusate con lui, ma queste scuse erano arrivate troppo tardi.

Durante le prime settimane di gennaio, infatti, le autorità di Wuhan hanno insistito sul fatto che solo coloro che erano venuti a contatto con animali infetti potevano prendere il virus e nessuna misura è stata attuata per proteggere i medici.

Appena una settimana dopo aver ricevuto la visita della polizia, Li ha curato una donna col glaucoma, ma non sapeva che anche lei era stata contagiata.

Il 10 gennaio il medico ha iniziato a tossire, il giorno dopo aveva la febbre e due giorni dopo era in ospedale. Anche i suoi genitori si sono ammalati.

Solo dieci giorni dopo la Cina ha dichiarato l’emergenza sanitaria.

Li sostiene di essersi sottoposto più volte ai test per il coronavirus, e che tutti erano risultati negativi fino al 30 gennaio: “Oggi i test sugli acidi nucleici sono tornati con un risultato positivo, la polvere si è depositata, alla fine la diagnosi è arrivata”.

Il post ha ricevuto migliaia di commenti e parole di supporto. Alcuni utenti scrivono che il medico è un eroe. “Ci vorrebbero decine di milioni di Li Wenliang”, scrivono.

Leggi anche:
Coronavirus, sale a 425 il numero delle vittime, oltre 20mila i contagiati. Primo morto a Hong Kong
Coronavirus: oltre 3mila persone in quarantena su una nave da crociera in Giappone
Il minorenne italiano rimasto a Wuhan: “Riportatemi a casa, la febbre sta calando”
Se il coronavirus raggiunge l’Africa può essere una catastrofe
Coronavirus, il regime cinese minacciò i medici: “State zitti”. Così l’epidemia non è stata fermata
Storia del medico di Wuhan arrestato e obbligato dalla polizia a mantenere il silenzio sui casi trovati già a dicembre
Ti potrebbe interessare
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte
Ti potrebbe interessare
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte
Esteri / Regno Unito, uomo arrestato nel parco di Windsor a Natale: “Sono qui per uccidere la Regina”
Esteri / Londra, incendio tra London Bridge e Waterloo East. “Tenete chiuse porte e finestre”
Esteri / Russia, Putin premierà le donne che partoriscono almeno dieci figli
Esteri / Berlino, Abu Mazen accusa Israele di Olocausto, poi ritratta. Scholz: "Profondamente indignato"
Esteri / Terrore a bordo, ubriaco tenta di aprire il portellone dell’aereo in volo: “Ci vediamo in paradiso”
Esteri / Tensioni in Kenya dopo le elezioni presidenziali: Odinga contesta la vittoria di Ruto
Esteri / L'ambientalista statunitense Erin Brockovich multata per aver annaffiato troppo spesso il giardino