Covid ultime 24h
casi +13.114
deceduti +246
tamponi +170.633
terapie intensive +58

La terribile morte di Massa, il gorilla che doveva salvare la sua specie: ucciso nell’incendio dello zoo

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 2 Gen. 2020 alle 16:02 Aggiornato il 2 Gen. 2020 alle 16:02
742
Immagine di copertina
Crediti: Thilo Schmülgen/Reuters - Noémi D. Soòs / GorillasLand

Massa, il gorilla di 48 anni morto nell’incendio allo zoo di Krefeld

Massa era un gorilla di 48 anni, il più vecchio esemplare vivente nel programma europeo di riproduzione della specie in via d’estinzione: avrebbe dovuto salvare la sua specie e invece non ce l’ha fatta, in seguito al devastante incendio che ha messo in ginocchio lo zoo di Frefeld.

Il rogo, divampato a causa di alcune lanterne cinesi lanciate in cielo durante la notte di Capodanno nei pressi dello zoo, è stato letale per oltre 30 esemplari di scimmie (tra gorilla, oranghi e scimpanzé).

Lo zoo, situato a 15 chilometri da Duesseldorf (Germania), è stato colpito durante la notte di San Silvestro e anche Massa, insieme a tanti altri animali (tra volpi volanti e uccelli tropicali), non ce l’ha fatta.

Massa era il gorilla più anziano, un maschio di 48 anni (nato nel 1971).

Come riporta il Guardian, gli animali sono rimasti intrappolati nella Casa delle Scimmie, una struttura costruita nel 1975 che ha portato alla morte una trentina di esemplari. “Le nostre peggiori paure sono diventate realtà: non ci sono animali sopravvissuti nella Casa delle Scimmie”, a dare il triste annuncio è stata la pagina Facebook dello zoo.

Incendio allo zoo di Krefeld: i sopravvissuti

Due scimpanzé sono sopravvissuti alla strage, Bally e Limbo, rimasti soltanto feriti dalle fiamme e soccorsi immediatamente dai veterinari. “È quasi un miracolo che Bally, femmina di 40 anni, e Limbo, maschio più giovane, siano sopravvissuti a questo inferno”, ha detto il direttore dello zoo Wolfgang Dressen. “Dovremo lavorare seriamente in questo momento di lutto”, ha aggiunto.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Al sicuro anche la famiglia di gorilla che viveva nel cosiddetto “giardino dei gorilla”, un’area che non è stata colpita dalle fiamme.

742
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.