Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa, mamma no vax accompagna la figlia immunodepressa a un Covid party: la giovane muore dopo 2 settimane

Immagine di copertina

Mamma no vax manda la figlia immunodepressa a un Covid party: la ragazza muore

Mamma no vax accompagna la figlia immunodepressa a un Covid party: la ragazza muore 2 settimane dopo aver partecipato alla “festa”. L’incredibile vicenda è avvenuta negli Stati Uniti ed è stata raccontata dai principali quotidiani statunitensi, tra cui anche il Washington Post. Secondo quanto ricostruito, Carole Brunton Davis, sul cui profilo Facebook spiccano teorie cospirazioniste e disinformazione no-vax, ha accompagnato la figlia 17enne Carsyn Leigh Davis a un Covid party organizzato in una chiesa nella contea di Miami. Qui, la giovane, immunodepressa dopo essere sopravvissuta al cancro da giovanissima, ha contratto il Coronavirus. Le sue condizioni, tuttavia, sono peggiorate nel giro di 2 settimane e il 23 giugno, due giorni dopo aver compiuto 17 anni, Carsyn Leigh è morta.

Secondo quanto raccontato da Rebekah Jones, ex data scientist della Florida, nel rapporto redatto dal medico legale dopo la morte della giovane c’è scritto che la 17enne ha partecipato a un evento in una chiesa insieme a un centinaio di persone senza mascherina e senza nessun rispetto delle norme di distanziamento sociale. I giorni seguenti, la ragazza è stata curata dalla madre che ha intenzionalmente esposto la figlia al virus, sottovalutando le conseguenze, con azitromicina, un farmaco che non ha nessun beneficio contro il Coronavirus. I genitori di Carsyn Leigh, inoltre, avrebbero rifiutato il ricovero della ragazza il 19 giugno, salvo arrendersi dinanzi alle condizioni disperate della giovane e accettare un suo ricovero tre giorni dopo. La giovane a quel punto è stata intubata, mentre i sanitari hanno provato a curarla con il plasma, ma le sue condizioni erano già troppo critiche e il giorno seguente la donna è deceduta.

Leggi anche: 1. “Il Coronavirus potrebbe non aver avuto origine in Cina, ma è stato dormiente per anni”: l’ipotesi shock di Tom Jefferson, ricercatore dell’Università di Oxford / 2. Da una grotta di minatori piena di pipistrelli al laboratorio di Wuhan: così un’inchiesta ricostruisce lo strano percorso del Covid a partire dal 2012 / 3. “Il Coronavirus si trasmette tramite l’aria, abbiamo le prove”: 239 scienziati di 32 Paesi scrivono all’Oms

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo