Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa, mamma no vax accompagna la figlia immunodepressa a un Covid party: la giovane muore dopo 2 settimane

Immagine di copertina

Mamma no vax manda la figlia immunodepressa a un Covid party: la ragazza muore

Mamma no vax accompagna la figlia immunodepressa a un Covid party: la ragazza muore 2 settimane dopo aver partecipato alla “festa”. L’incredibile vicenda è avvenuta negli Stati Uniti ed è stata raccontata dai principali quotidiani statunitensi, tra cui anche il Washington Post. Secondo quanto ricostruito, Carole Brunton Davis, sul cui profilo Facebook spiccano teorie cospirazioniste e disinformazione no-vax, ha accompagnato la figlia 17enne Carsyn Leigh Davis a un Covid party organizzato in una chiesa nella contea di Miami. Qui, la giovane, immunodepressa dopo essere sopravvissuta al cancro da giovanissima, ha contratto il Coronavirus. Le sue condizioni, tuttavia, sono peggiorate nel giro di 2 settimane e il 23 giugno, due giorni dopo aver compiuto 17 anni, Carsyn Leigh è morta.

Secondo quanto raccontato da Rebekah Jones, ex data scientist della Florida, nel rapporto redatto dal medico legale dopo la morte della giovane c’è scritto che la 17enne ha partecipato a un evento in una chiesa insieme a un centinaio di persone senza mascherina e senza nessun rispetto delle norme di distanziamento sociale. I giorni seguenti, la ragazza è stata curata dalla madre che ha intenzionalmente esposto la figlia al virus, sottovalutando le conseguenze, con azitromicina, un farmaco che non ha nessun beneficio contro il Coronavirus. I genitori di Carsyn Leigh, inoltre, avrebbero rifiutato il ricovero della ragazza il 19 giugno, salvo arrendersi dinanzi alle condizioni disperate della giovane e accettare un suo ricovero tre giorni dopo. La giovane a quel punto è stata intubata, mentre i sanitari hanno provato a curarla con il plasma, ma le sue condizioni erano già troppo critiche e il giorno seguente la donna è deceduta.

Leggi anche: 1. “Il Coronavirus potrebbe non aver avuto origine in Cina, ma è stato dormiente per anni”: l’ipotesi shock di Tom Jefferson, ricercatore dell’Università di Oxford / 2. Da una grotta di minatori piena di pipistrelli al laboratorio di Wuhan: così un’inchiesta ricostruisce lo strano percorso del Covid a partire dal 2012 / 3. “Il Coronavirus si trasmette tramite l’aria, abbiamo le prove”: 239 scienziati di 32 Paesi scrivono all’Oms

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte