Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Il Coronavirus potrebbe non aver avuto origine in Cina, ma è stato dormiente per anni”: l’ipotesi shock di Tom Jefferson, ricercatore dell’Università di Oxford

Immagine di copertina

Il Coronavirus potrebbe non aver avuto origine in Cina secondo un esperto

“Il Coronavirus non ha avuto origine in Cina, ma è stato dormiente per anni”: è quanto sostiene il dottor Tom Jefferson, esperto del Center for Evidence-Based Medicine (CEBM) dell’Università di Oxford, in un’intervista al quotidiano britannico The Telegraph. Secondo lo studioso, infatti, vi sono prove sempre più evidenti del fatto che il Covid-19 non abbia preso vita a Wuhan, in Cina, dove si sono registrati i primi casi del nuovo Coronavirus, che poi si è propagato in tutto il mondo. “Penso che il virus fosse già qui, che significa ovunque. Potrebbe trattarsi di un virus dormiente riattivato dalle condizioni ambientali” ha dichiarato Jefferson, che poi elenca alcuni esempi.

Coronavirus, nuova gaffe di Gallera: “Se avesse avuto il 37,5 per cento febbre”

“C’è stato un caso nelle Isole Falkland all’inizio di febbraio. Da dove viene?” si chiede l’esperto, che aggiunge: “I virologi spagnoli hanno dichiarato di aver trovato tracce di virus nelle acque reflue raccolte nel marzo 2019, gli scienziati italiani hanno trovato tracce del Covid-19 nelle acque di scarico di città come Torino e Milano già a dicembre 2019, in Brasile campioni di acque prelevate dalle fogne di Florianópolis a novembre dell’anno scorso contenevano già tracce del virus”. Secondo Jefferson stranezze simili si sono verificate già nel 1918 con l’influenza spagnola. “Nel 1918 circa il 30% della popolazione delle Samoa occidentali morì di influenza spagnola e non avevano avuto alcuna comunicazione con il mondo esterno. La spiegazione potrebbe essere solo che certi agenti non vengono o vanno da nessuna parte. Sono sempre presenti e qualcosa li accende: forse la densità umana o le condizioni ambientali. È questo ciò su cui dovremmo indagare”.

Leggi anche: 1. Da una grotta di minatori piena di pipistrelli al laboratorio di Wuhan: così un’inchiesta ricostruisce lo strano percorso del Covid a partire dal 2012 / 2. “Il Coronavirus si trasmette tramite l’aria, abbiamo le prove”: 239 scienziati di 32 Paesi scrivono all’Oms / 3. Lesioni ai piedi: la misteriosa sindrome che è “indizio del contagio da Coronavirus”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”