Maltempo in Egitto: piogge e inondazioni. Tra le vittime anche bambini

Di Alice Possidente
Pubblicato il 24 Ott. 2019 alle 17:49
264
Immagine di copertina
Immagine generica

Maltempo in Egitto, tra le vittime anche bambini

Il maltempo dei giorni scorsi in Egitto ha causato anche delle vittime. La capitale, Il Cairo, è stata colpita da forti piogge, così come altre città del paese. Secondo quanto riferito dal quotidiano statunitense The Washington Post, finora si contano otto morti, tra cui quattro bambini.

Alcune persone, tra cui due bambini, sono morte folgorate da cavi di alimentazione sommersi dalle acque alluvionali. Altre sono morte cadendo dai tetti delle loro case allagate.

Il ministero degli Interni egiziano ha riferito che cinque delle vittime sono morte nelle province di Sharqia, Gharbia e Kafr el-Sheikh, nei pressi del delta del Nilo.

A causa delle intemperie, le autorità egiziane hanno ordinato la chiusura di scuole e università della Grande area del Cairo e ci sono stati disagi anche nelle aziende, perché molte persone non sono riuscite a recarsi al lavoro. Molte delle strade principali, infatti, sono state inondate, causando ingenti ingorghi.

Nella città di Alessandria, mercoledì 23 ottobre, la forte pioggia ha causato il crollo di un edificio a tre piani, uccidendo un bambino di 7 anni e ferendo suo fratello di 19 anni.

Anche negli aeroporti sono registrati disagi. La compagnia di bandiera egiziana EgyptAir ha dichiarato di aver ritardato alcuni voli martedì.

Il caos e i disagi causati dal maltempo hanno sollevato interrogativi sulla capacità del Cairo di far fronte a forti piogge. Sui social media gli utenti hanno criticato la mancanza di preparazione del governo ad affrontare calamità naturali. La città del Cairo, che ha circa 20 milioni di abitanti, è stata lasciata per decenni in abbandono e in rovina, in particolare nei suoi quartieri sovraffollati.

Maltempo in Liguria, ad Alessandria scuole chiuse e 123 persone evacuate

264
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.