Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il compagno massacra il loro neonato, ma lei lo difende: “Lo amo troppo”

Immagine di copertina
La piccola Brooklyn.

La piccola aveva appena 7 settimane. Il padre, 23 anni, era rimasto solo in casa con lei, mentre la madre era a lavoro

Lo ama troppo, più di quanto amasse il figlio, evidentemente: per questo una donna non ha denunciato il fidanzato che ha massacrato di botte la sua bambina, fino a ucciderla.

Lei è Aeriel Spivey, un’infermiera di 26 anni, lui invece ha tre anni in meno di lei, si chiama Dylan Daugherty ed è accusato di aver ucciso la loro neonata, Brooklyn Daughtery, di meno di due mesi. I fatti drammatici si sono consumati a Houston, in Texas, negli Stati Uniti, nel giugno del 2018.

“A volte l’amore prende il sopravvento”, avrebbe riferito lei nel corso dell’interrogatorio per la morte della sua piccola Brooklyn. “Ho pensato per alcune settimane a quello che era successo. A volte l’amore prende il sopravvento e tu finisci per spazzolare tutto sotto il tappeto”: così Aeriel Spivey ha cercato di giustificare il gesto assurdo.

LEGGI ANCHE: Madre difende il compagno che ha pestato la figlia: “È la mia vita. Sta male, non lo abbandono”

La violenta aggressione sarebbe avvenuta in assenza della madre. Aeriel, infatti, secondo quanto riportato dai media, stava lavorando. Lui, il 23enne, era rimasto a casa con la piccola. Quello che è successo dopo viene descritto minuziosamente nell’aula del tribunale che è pronta a giudicare il 23enne.

“Trauma cranico contusivo costituito da contusioni del cuoio capelluto e del viso”, questo il referto sul corpicino del bambino, secondo quanto riferito dal pubblico ministero.

Ma non solo: il piccolo Brooklyn, come riportano alcuni media statunitensi, avrebbe riportato anche “fratture craniche, oltre 60 fratture costali in vari stadi di guarigione. Un braccio rotto, una gamba rotta, il bacino rotto e una varietà di altre lesioni che si sono verificate in almeno tre eventi traumatici separati”.

La donna ha ha dichiarato che non sarebbe stato il compagno a causare la morte della piccola. Lui, intanto, è accusato di omicidio, mentre la madre della piccola Brooklyn è indagata per omissione di soccorso.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"
Esteri / Jeff Bezos ringrazia i dipendenti e i clienti Amazon: “Avete pagato il mio volo nello spazio”
Esteri / C'è anche Macron nella lista dei probabili spiati col software Pegasus