Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I macellai francesi assumono degli agenti di sicurezza per difendersi dagli animalisti

Immagine di copertina
Foto di repertorio di una manifestazione in Francia. Credit: Getty Images

Nel fine settimana un gruppo di animalisti si è dato appuntamento per un "Happening nazionale sincronizzato contro il commercio di animalicidio"

I macellai delle città del nord della Francia, più precisamente della città di Lille, hanno deciso di assumere delle guardie giurate perché temono per la loro incolumità e per quella delle loro attività.

La decisione è stata presa a causa dell’intensificarsi degli atti vandalici contro salumerie e macellerie perpetrate dagli animalisti. A dare la notizia sono stati i rappresentanti dei negozi alla radio France Info.

Ad essere preoccupati sono soprattutto i macellai della città di Lille dopo che un gruppo di animalisti si è organizzato tramite i social per compiere “azioni legali” tra il 22 e il 23 settembre 2018.

All’evento è stato dato il nome di “Happening nazionale sincronizzato contro il commercio di animalicidio”.

“Avremo un responsabile della sicurezza davanti agli ingressi”, è stato il commento di Laurent Rigaud, presidente del sindacato macellerie-salumerie del nord della Francia.

La decisione è stata definita come “assolutamente superflua” dalla portavoce di “Abolire la macelleria”, Solveig Halloin, che ha anche affermato che l’annuncio del sindacato dei macellai è una “comunicazione fatta per vittimismo”.

Nel mese di giugno le vetrine di diverse macellerie nel nord della Francia sono state imbrattate e rotte e la crescente tensione aveva portato molti negozianti addirittura a non mettere salsicce e costate in vetrina.

Disperati, i negozianti hanno chiesto aiuto al governo francese. “Contiamo sull’aiuto del governo affinché cessino subito le violenze fisiche, verbali e morali di cui siamo oggetto. Siamo stanchi di minacce e intimidazioni. Vogliamo la protezione della polizia”, hanno scritto in una lettera al ministro degli interni francese.

A confermare la brutta aria che tira in Francia, il grave episodio accaduto dopo l’attentato di Trèbes (quattro persone, tra cui un macellaio, sono state uccise in un supermercato dal terrorista Radouane Lakdim) quando una donna, militante vegana, ha scritto su Facebook: “Un assassino ucciso da un terrorista, ben gli sta. Non ho nessuna compassione per lui, anzi. Trovo che c’è una giustizia al mondo”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid