Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Libia sta valutando il rilascio di tutti i migranti dai centri di detenzione

Immagine di copertina

La Libia sta valutando il rilascio di tutti i migranti dai centri di detenzione

Dopo la strage di Tajoura, che ha provocato la morte di almeno 100 persone, la Libia sta valutando il rilascio di tutti i migranti presenti nei centri di detenzione perché incapace di garantire la loro sicurezza.

Lo riporta il quotidiano The Libya Observer citando fonti del ministro dell’Interno Fathi Bashagha.

Quest’ultimo ha poi confermato la notizia con un post pubblicato su Facebook.

“Il governo sta considerando la chiusura dei centri e il rilascio dei migranti illegali per tutelare le loro vite”,

“Il governo – prosegue Bashagha – è tenuto a proteggere tutti i civili, ma il fatto che vengano presi di mira i centri di accoglienza da aerei F16 e la mancanza di una protezione aerea per i migranti clandestini nei centri stessi, sono tutte cose al di fuori della capacità del governo”.

La notizia arriva all’indomani del raid aereo sul centro di detenzione di Tajoura, vicino Tripoli, a opera dell’Esercito nazionale libico guidato dal comandante Khalifa Haftar, che ha provocato la morte di almeno 100 persone.

Libia, bombardamento su centro detenzione migranti: il video shock

Il governo libico, guidato da Fayez al-Sarraj e riconosciuto dalla Nazioni Unite, ha definito l’attacco un “crimine di guerra” e ha accusato del bombardamento il generale Haftar.

Il rilascio immediato di tutti i migranti dai centri di detenzione libici potrebbe provocare un vero e proprio esodo verso l’Europa.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni calcola che la misura potrebbe riguardare tra le 6mila e le 7mila persone, di cui 3mila solo a Tripoli.

In molti, però, ritengono che questa decisione sia in realtà solamente una strategia di al-Sarraj per convincere i governi Europei e in particolar modo l’Italia a fare uno sforzo maggiore in favore del Governo di accordo nazionale.

Una prima richiesta in questo senso c’era già stata lo scorso 1 luglio quando al-Sarraj ha incontrato il ministro dell’Interno Matteo Salvini, chiedendo all’Italia un impegno maggiore per risolvere la guerra civile che da mesi sta flagellando la Libia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, le autorità russe restituiscono il corpo alla madre
Esteri / Affari armati: ecco tutti i numeri sugli aiuti militari all’Ucraina
Esteri / L’Italia ha firmato un patto di sicurezza con l’Ucraina: ecco cosa prevede
Esteri / Meloni a Kiev: “L’Ucraina è casa nostra. La difenderemo” | VIDEO
Esteri / Gaza, Lula non si scusa ma insiste: "Non è una guerra ma un genocidio"
Esteri / G7 a Kiev, Macron “snobba” Meloni: “Impegnato con gli agricoltori”. E convoca un altro vertice a Parigi
Esteri / Germania: famiglie palestinesi denunciano il cancelliere Olaf Scholz per “complicità in genocidio” a Gaza
Esteri / Ucraini in fuga dalle armi: montano le proteste contro la campagna di reclutamento
Esteri / Giorgia Meloni arriva a Kiev: “L’Italia, l’Europa e il G7 al fianco della resistenza ucraina”
Esteri / Ma l’America ha lasciato sola l’Europa in Ucraina