Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Libia: incontro a sorpresa a Milano tra Fayez al-Sarraj e Matteo Salvini

Immagine di copertina

Libia, al-Sarraj incontra Salvini. Sul tavolo anche la questione migranti | Salvini news

Salvini news – A Milano si è svolto un incontro a sorpresa tra il primo Ministro della Libia Fayez al-Sarraj e il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Sul tavolo, tra i vari argomenti, la questione migranti, ma anche la guerra civile che da più di due mesi sta flagellando il paese nordafricano.

Guerra in Libia: a che punto è lo scontro tra Haftar e al-Serraj

Al-Sarraj ha chiesto al vicepremier italiano uno sforzo maggiore a favore del Governo di accordo nazionale (GNA), riconosciuto dalle Nazioni Unite, dal 3 aprile scorso sotto attacco dell’esercito nazionale libico, guidato dal maresciallo Khalifa Haftar.

Secondo quanto spiegato da fonti libiche, infatti, subito dopo l’inizio dell’offensiva dello scorso aprile, tutti i leader libici hanno chiesto un aiuto consistente all’Italia, attraverso l’invio di armi e il supporto di intelligence.

La posizione dell’Italia, invece, sempre secondo quanto dichiarato dalle fonti libiche si è rivelata troppo attendista.

Salvini news – Con la riconquista di Gharian, città a 80 chilometri a sud di Tripoli, divenuta base operativa di Haftar, al-Sarraj è convinto di aver dato una sterzata decisiva a suo favore sull’esito della guerra civile, nonostante l’annuncio dell’esercito nazionale libico di imminenti raid aerei su Tripoli.

Ecco perché il capo del Governo libico ha chiesto uno sforzo maggiore all’Italia.

Il protrarsi del conflitto, infatti, secondo il ragionamento di al-Sarraj sarebbe deleterio per il paese e influirebbe anche sulla gestione dei migranti, tema tanto caro al leader Lega, con il paese nordafricano che non sarebbe più in grado di poter gestire il flusso migratorio e impedire l’arrivo dei migranti in Italia.

L’argomento potrebbe essere al centro del Consiglio dei ministri italiano, in programma nel tardo pomeriggio di lunedì 1 luglio a Palazzo Chigi.

Fonti vicine a Salvini hanno definito l’incontro “proficuo” con il ministro dell’Interno che ha garantito ad al-Sarraj l’impegno dell’Italia nella pacificazione.

Sarraj, inoltre, secondo quanto riferito avrebbe criticato anche le strategie di altri paesi tra cui la Francia.

La Libia è l’ennesima resa dei conti tra fazioni per l’egemonia politica e religiosa del mondo arabo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa
Esteri / Usa pongono il veto al Consiglio di sicurezza Onu sulla risoluzione dell'Algeria per una tregua nella Striscia. Israele, ministro Smotrich: riportare a casa gli ostaggi "non è la cosa più importante"
Esteri / Ucraina, media: “Gli Usa valutano la fornitura di missili a lungo raggio ATACMS a Kiev”
Esteri / Papua Nuova Guinea, scontri tra tribù rivali: almeno 49 morti
Esteri / Regno Unito: scatta il bando totale ai telefoni cellulari nelle scuole
Esteri / Le lettere di Navalny dal carcere: "Qui non è cambiato nulla dall'Urss"