Covid ultime 24h
casi +17.083
deceduti +343
tamponi +335.983
terapie intensive +38

Libia, cessate il fuoco chiesto da Erdogan e Putin: il governo Serraj dice sì, Haftar rifiuta

L'appello alla fine delle ostilità per la mezzanotte di domenica 12 gennaio è stato accettato dal governo di accordo nazionale. Si attende adesso la risposta del generale Khalifa Haftar

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 9 Gen. 2020 alle 11:56 Aggiornato il 9 Gen. 2020 alle 19:51
0
Immagine di copertina

Libia, governo Serraj dice sì al cessate il fuoco chiesto da Erdogan e Putin

Dalla Libia arrivano le prime risposte alla richiesta di cessate il fuoco di ieri, da parte di Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdoğan: il governo di accordo nazionale guidato da Fayez al-Serraj ha detto sì alla fine delle ostilità fissata per la mezzanotte di domenica 12 gennaio.

Il generale Khalifa Haftar, invece, ha respinto la proposta di cessate il fuoco in Libia avanzata ieri da Russia e Turchia. Lo ha annunciato il portavoce del sedicente Esercito nazionale libico, Ahmed al Mismari, come segnalano all’agenzia Ansa fonti da Bengasi. “Ringraziamo la Russia per il suo sostegno ma non possiamo smettere di combattere il terrorismo”, hanno riferito le fonti sintetizzando l’annuncio.

Il Consiglio presidenziale del governo, in una nota, ha affermato di accogliere “con favore qualsiasi appello alla ripresa del processo politico e ad allontanare lo spettro della guerra, in conformità con l’Accordo politico libico e il sostegno alla Conferenza di Berlino patrocinata dalle Nazioni Unite”.

Dopo il sì al cessate il fuoco in Libia da parte del governo riconosciuto dall’Onu, si attende adesso una risposta dall’altra forza in campo, in particolare dal generale Khalifa Haftar, autore nei giorni scorsi dell’offensiva sulla città di Sirte e sempre più vicino a circondare la capitale Tripoli.

L’incontro di Istanbul tra Putin ed Erdogan, dunque, si è rivelato molto importante ai fini di quello che potrebbe essere un passo avanti verso la fine dell’escalation di violenza in Libia. Il presidente russo e il suo omologo turco, nonostante appoggino rispettivamente Haftar e Serraj, hanno fatto un appello alla diplomazia che sembra ricevere i primi consensi.

Sempre ieri, anche l’Unione europea aveva provato a chiedere una soluzione diplomatica alla guerra in Libia. Serraj è stato a Bruxelles, mentre Haftar ha incontrato a Roma il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Leggi anche:

Libia: Conte incontra Haftar, Di Maio irritato con il premier per il suo protagonismo in politica estera

Libia, Erdogan invia i primi 35 soldati turchi: “Ruolo di coordinamento, non combatteranno”

Libia, le forze di Haftar puntano verso Misurata. Mosca: “Al Serraj ha riconquistato Sirte”

Di Maio: “In Libia e Iraq non esiste soluzione militare”. Ma il generale Graziano lo smentisce

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.