Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Proteste in Libano: i manifestanti formano una catena umana di 170 km

Immagine di copertina
I manifestanti libanesi formano una catena umana lungo la costa di Beirut come simbolo di unione durante una protesta antigovernativa nella zona di Ein Mreisseh il 27 ottobre 2019. Migliaia di persone continuano a protestare contro il carovita e la corruzione del paese da più di due settimane. Credit: MOUNZER EPA/NABIL

La catena umana libanese è un gesto pacifico di unione. "È un messaggio di amore e solidarietà", ha dichiarato un manifestante nell'undicesimo giorno di proteste scoppiate nel paese per contrastare il carovita e la corruzione

Le proteste mano nella mano in Libano: i manifestanti formano catena umana di 170 km

Decine di migliaia di manifestanti domenica 27 ottobre si sono stretti la mano per formare una catena umana di 170 km nell’undicesimo giorno di proteste in Libano.

Le emozionati immagine dall’alto mostrano il cordone umano che si estende lungo tutta la costa del Paese: da Tripoli a Tiro passando per la capitale Beirut.

La catena umana è un gesto pacifico di unione. “È un messaggio di amore e solidarietà”, ha detto Julian Bourjeili, un architetto che ha preso parte alla manifestazione con la compagna. “Vogliamo mostrare l’immagine civilizzata e pacifica di questo movimento”.

Credit: Twitter

Uomini, donne e bambini si sono tenuti la mano portando bandiere libanesi e cantando l’inno nazionale.

“L’idea alla base di questa catena umana è quella di mostrare l’immagine di un Libano che, da nord a sud, rifiuta qualsiasi affiliazione settaria”, ha dichiarato Julie Tegho Bou Nassif, uno degli organizzatori. “Oggi non c’è richiesta politica, vogliamo solo inviare un messaggio semplicemente tenendo le mani sotto la bandiera libanese”, ha detto un professore di storia di 31 anni.

Le proteste in Libano sono esplose in seguito alla decisione del governo di tassare le telefonate fatte con WhatsApp, Facebook Messenger e FaceTime. Le manifestazioni si sono rapidamente intensificate fino a chiedere il rovesciamento delle élite politiche che hanno governato il Paese dalla fine della guerra civile (1975-1990).

Credit: Twitter
Il Libano vuole tassare le telefonate su Whatsapp: disordini e caos nel paese
La catena umana di 40 km a Hong Kong contro Pechino
Proteste in Libano, il bimbo è spaventato: manifestanti cantano “Baby Shark” per calmarlo | VIDEO
“Joker” sta diventando realtà: il capitalismo è una fabbrica di poveri e il mondo ha iniziato a ribellarsi (di Luca Telese)
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”
Esteri / Cantante folk prende volontariamente il Covid per non fare il vaccino e muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”
Esteri / Cantante folk prende volontariamente il Covid per non fare il vaccino e muore
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”