Spezzano le zampe al cucciolo di leone per poter scattare le foto con i turisti

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 12 Giu. 2020 alle 09:03 Aggiornato il 12 Giu. 2020 alle 09:04
0
Immagine di copertina

Russia, rompono le gambe al cucciolo di leone

La drammatica storia del cucciolo di leone a cui sono state spezzate le zampe per poter scattare le foto con i turisti in Russa sta facendo il giro del mondo e avrebbe commosso anche il presidente Vladimir Putin il quale avrebbe ordinato personalmente un’indagine criminale per far luce sulla crudeltà subita dal piccolo leone ribattezzato Simba.

I torturatori del felino gli avrebbero spezzato le gambe per impedirgli di muoversi e per costringerlo quindi a posare per le foto scattate con i turisti. Dopo averlo sottratto alla madre, questi uomini hanno sfruttato il cucciolo per tutta l’estate scorsa. Simba ha riportato gravi lesioni alla colonna vertebrale che lo hanno portato all’immobilità quasi totale. I torturatori si sono sbarazzati di lui abbandonandolo e i soccorritori lo hanno salvato. Il leoncino è stato ritrovato affamato, legato in un fienile nella regione russa del Daghestan.

“Praticamente non era nutrito e per qualche motivo probabilmente per punirlo, gli veniva getta dell’acqua gelata costantemente addosso”, ha raccontato una delle soccorritrici Yulia Ageeva “Questa storia è stata un vero inferno.”

Il veterinario Karen Dallakyan ha aggiunto “il leoncino ha sofferto un oceano di dolore per causa degli umani. I fotografi malvagi rompono le ossa agli animali in modo che i predatori selvaggi non possano fuggire e mantengano la calma per le foto con i turisti”.

Leggi anche: Etiopia, otto elefanti uccisi in sole 24 ore: massacrati per l’avorio/ 2. In India un elefante è morto dopo aver mangiato un ananas riempito di petardi

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.