Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Lavazza fa pressioni sull’Arsenal contro il tweet pro-Palestina di Elneny: parte la campagna di boicotaggio

Immagine di copertina

Il gruppo Lavazza ha fatto pressioni sul club londinese dell’Arsenal per redarguire il calciatore egiziano Mohamed Elneny che ha condiviso un Tweet in supporto della Palestina, dove dall’inizio del conflitto tra Israele e Hamas ci sono stati 220 morti, di cui 63 bambini, in particolare nella striscia di Gaza. I morti in Israele sono stati fino ad oggi 12.

“Il mio cuore, la mia anima e il mio supporto sono con te, Palestina”, ha scritto Elneny su Twitter. Il club londinese si è messo in contatto con il calciatore per chiedere chiarimenti e fargli conoscere le implicazioni della sua presa di posizione su input di Lavazza, uno degli sponsor dell’Arsenal, che aveva espresso perplessità rispetto al messaggio di Elneny.

Al quotidiano Jewish Chronicle, il gruppo Lavazza ha confermato di aver contattato l’Arsenal per “rimarcare le preoccupazioni sul fatto che il club sia associato a tale messaggio”. “Il contenuto di tale post non è assolutamente allineato con i valori della nostra compagnia. Il Gruppo Lavazza è totalmente impegnato nella lotta al razzismo e all’antisemitismo”, ha fatto sapere l’azienda.

A far infuriare gli ebrei tifosi dell’Arsenal sarebbe stata l’immagine marchiata “Palestinian Lives Matter” contenuta nel post di Elneny, tanto che il Board of Deputies of British Jews si sarebbe rivolto a tutti gli sponsor della squadra affinché rispondessero al tweet, ma solo Lavazza avrebbe accolto l’appello. All’emittente Sky Sports News, il club sportivo ha chiarito che “qualsiasi dipendente dell’Arsenal e tutti i giocatori hanno il diritto di esprimere le proprie opinioni sulle proprie piattaforme”, ma di aver parlato con Mo per “fargli comprendere le implicazioni più ampie della sua esposizione”.

“Come club, ci impegniamo ad affrontare ed eliminare tutte le forme di discriminazione e continuare a sostenere la necessità di uguaglianza e diversità in tutti i settori della vita quotidiana”, ha dichiarato lo staff della squadra. Intanto la vicenda ha scosso l’opinione pubblica e su Twitter sono diventati virali gli hashtag “We Support Elneny” e “Boicotta Lavazza”, per il sentimento di rabbia esploso nei confronti del noto marchio di caffè.

Secondo quanto riportato sempre dal Jewish Chronicle, uno dei membri del Board of Deputies of British Jews si sarebbe addirittura rivolto alla Football Association per sospendere il calciatore, ma questa ha assicurato che non punirà tifosi, giocatori o club che esporranno le bandiere israeliane o palestinesi nelle gare di questo finale di stagione.

“Il Gruppo Lavazza non ha mai richiesto di limitare la libertà di espressione – il cui diritto è un valore insindacabile – e non c’è stata alcuna volontà di censura. Qualche giorno fa, in qualità di partner ufficiale dell’Arsenal F.C, è stato chiesto a Lavazza di prendere posizione nei confronti del post su Twitter della star del calcio Mohamed Elneny. Si è risposto senza spiegare adeguatamente la posizione. In seguito, è stato contattato il club per avere una migliore comprensione di quanto stesse accadendo, senza alcuna intenzione di far pressione. Ci dispiace molto che questo abbia generato incomprensioni. Il Gruppo Lavazza respinge la violenza in qualsiasi forma, per qualsiasi motivo e da chiunque sia perpetrata e condivide il dolore per le perdite umane da essa provocate”, ha dichiaratoin una nota stampa lo staff del Gruppo Lavazza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ragazza di 18 anni trovata morta in un bosco: era scomparsa dopo aver litigato con un uomo
Esteri / Tel Aviv, genitori abbandonano neonato al check-in dell’aeroporto perché non avevano il suo biglietto
Esteri / Singapore, uomo fa causa a una donna perché non vuole uscire con lui: “Mi ha rovinato la reputazione”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ragazza di 18 anni trovata morta in un bosco: era scomparsa dopo aver litigato con un uomo
Esteri / Tel Aviv, genitori abbandonano neonato al check-in dell’aeroporto perché non avevano il suo biglietto
Esteri / Singapore, uomo fa causa a una donna perché non vuole uscire con lui: “Mi ha rovinato la reputazione”
Esteri / L’illustratrice iraniana a TPI: “Le proteste sono il fallimento culturale e sociale della repubblica islamica”
Esteri / L’ex presidente francese Hollande: “Altro che folle, Putin è un leader radicalmente razionale”
Esteri / Usa: polizia spara e uccide afroamericano su sedia a rotelle. Anthony Lowe ha cercato di fuggire
Esteri / Mosca, compra un vitello online e lo porta a spasso in Piazza Rossa: arrestata
Esteri / Cerca una sosia su Instragram e la uccide per inscenare la propria morte
Esteri / Minorca, “ormeggia” la barca sul balcone: “Così risparmio 70 euro”
Esteri / Canada, la British Columbia depenalizza le droghe pesanti