Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Cina rallenta

Immagine di copertina

La crescita del Pil cinese è diminuita, insieme alla produzione industriale

La Cina frena la sua corsa economica. I dati parlano chiaramente: la crescita economica del secondo trimestre del 2013 rallenta e si ferma al 7.5 per cento, scendendo dello 0,2 per cento rispetto ai primi tre mesi dell’anno e dello 0.4 per cento rispetto alla fine del 2012. La produzione industriale è si è indebolita nel mese di giugno registrando un tasso dello 8.9 per cento, ovvero lo 0,3 per cento in meno rispetto a maggio.

Solo le vendite al dettaglio danno respiro all’economia cinese, secondo i dati ufficiali del China’s National Bureau of Statistics c’è stato un solido aumento del 13,3 per cento negli ultimi due mesi.

Il nervosismo dei dati economici segnala la fragilità e l’instabilità di un sistema in forte crescita da ormai 30 anni. Xi Jinping, il presidente della Repubblica Popolare Cinese, non si dice preoccupato per lo stato di salute dell’economia del Paese: il nuovo governo, insediatosi a marzo, è consapevole della necessità di rallentare la corsa del Pil attraverso politiche che stimolino la domanda aggregata, la competizione e liberalizzazione dei settori del mercato precedentemente controllati dallo Stato.

L’aggiustamento strutturale dell’economia è uno degli obiettivi primari del nuovo governo di Perchino, consapevole che una crescita così accelerata è insostenibile nel lungo periodo. Uno studio del Fondo Monetario Internazionale, ‘Chronicle of a decline foretold: has China reached the Lewis Turning Point?’ pubblicato a gennaio 2013 dai ricercatori Mitali Das and Papa N’Diaye, spiega come la Cina raggiungerà il Punto di Lewis tra il 2020 e il 2025.

Il punto di svolta di Lewis, dal nome del Premio Nobel per l’economia Arthur Lewis, segnala il momento in cui in un Paese cala la disponibilità di manodopera a basso costo e aumentano i salari. Il costo della produzione aumenta, scompaiono i profitti, e la crescita economica declina.

Sheng Laiyun, portavoce del China’s National Bureau of Statistics, ha dichiarato che “la performance economica nazionale nella prima metà del 2013 è stata tendenzialmente stabile e la maggior parte degli indicatori rimangono entro limiti ragionevoli rispetto alle previsioni annuali. Le condizioni finanziarie restano comunque complesse e mutevoli”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora