Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è il generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica | Libia

Immagine di copertina
Credits: Ludovic Marin/AFP

Prima sostenitore di Gheddafi poi suo nemico, ha combattuto in Sinai e Ciad, poi si è rifugiato negli Usa e ha ottenuto il passaporto. Prima di tornare in Libia ed essere nominato a capo dell'Esercito nazionale dal parlamento di Tobruk

Khalifa Haftar è il generale a capo dell’Esercito nazionale libico, nominato dal parlamento di Tobruk che con i suoi uomini governa la Cirenaica.

È sostenuto dall’Egitto, dalla Russia e dagli Emirati Arabi Uniti, in contrapposizione all’uomo appoggiato dall’occidente e dall’Onu, Fayez al-Serraj, presidente del Consiglio presidenziale del governo di accordo nazionale.

Il 12 e 13 novembre 2018 Haftar era atteso in Italia alla conferenza di Palermo, voluta dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, Russia e Stati Uniti.

Secondo un’indiscrezione del quotidiano Libya Observer, il generale diserterà l’incontro, ma non sono arrivate conferme ufficiali.

Segui qui il diario di TPI della conferenza di Palermo.

Chi è il generale Khalifa Haftar

Gheddafi – Haftar è nato nel 1943, nella città di Agedabia, nella regione orientale della Libia.

Quando Khalifa Haftar nacque, la città natale era sotto controllo britannico a seguito della seconda guerra mondiale.

Haftar intraprese la carriera militare e si diplomò all’Accademia di Bengasi, in Libia. Proseguì i sui studi in tattica militare in Egitto e Unione Sovietica.

Il suo primo passo da giovane ufficiale fu schierarsi con Muammar Gheddafi nel golpe che lo portò al potere nel 1969, rovesciando re Idris.

Uomo d’armi – Quattro anni dopo, il nome di Khalifa Haftar comparve in uno dei capitoli più importanti del Novecento, la guerra dello Yom Kippur.

Haftar guidò le truppe libiche in appoggio alla coalizione di paesi arabi che tentarono di respingere la controffensiva israeliana nel Sinai, dopo l’attacco a sorpresa di Egitto e Siria nell’ottobre del 1973.

Nel 1986, con il grado di colonnello, Haftar guidò le truppe libiche nell’offensiva contro il Ciad, in una guerra che durava già da circa un decennio.

Prigioniero – Haftar venne fatto prigioniero dalle forze ciadiane assieme a centinaia dei suoi uomini. Sconfitto sul campo, venne abbandonato da Gheddafi che lo destituì dal comando e ne chiese il processo.

Aiutato dai servizi segreti americani, il colonnello scappò in Zaire, poi in Kenya dove militò in diversi gruppi anti-Gheddafi.

Stelle e strisce – Infine, ottenne il visto americano e, attorno al 1990, si trasferì in Virginia, a Falls Church, una cittadina di 13 mila abitanti alla periferia di Washington. Gheddafi emise nei suoi confronti una condanna a morte per alto tradimento.

Haftar ha vissuto in Virginia per vent’anni, ottenendo anche la cittadinanza americana. Data la prossimità della sua abitazione al quartier generale della Cia, si pensa che sia stato coinvolto dall’agenzia nei tentativi di assasinare Gheddafi.

Già nel 1996, la Cia tentò un colpo di stato ai danni del colonnello in cui Haftar avrebbe dovuto avere un ruolo, ma il piano andò in fumo.

Il caos determinato nel 2011 dalla caduta di Gheddafi aveva spinto il generale a fare ritorno in Libia.

In pochi mesi il paese si è diviso in decine di gruppi diversi su base religiosa, tribale e geografica.

Poco dopo il suo arrivo Haftar ha capito che al momento non aveva spazio di manovra nel suo paese e ha fatto ritorno negli Stati Uniti.

Il ritorno – Nel 2014, Haftar è rientrato dfinitivamente in Libia. A febbraio, ha denunciato il Congresso generale nazionale (Gnc), dominato dagli islamisti, chiedendone lo scioglimento e domandando nuove elezioni.

A maggio, ha lanciato l’“Operazione dignità”, con l’appoggio dell’Egitto, di alcuni dei municipi della Cirenaica e sostenuto dal parlamento di Tobruk, primo governo a ottenere il riconoscimento internazionale nell’era post Gheddafi.

A marzo del 2015, il parlamento di Tobruk ha nominato Haftar capo dell’Esercito nazionale libico e da quel momento il generale ha controllato la Cirenaica, regione ad est della Libia.

Inizialmente sembrava che l’Europa avrebbe affidato a lui il prossimo governo del paese.

Dualismi – A dicembre 2015 invece è stato creato un governo di accordo nazionale sotto l’egida delle Nazioni Unite con a capo Sarraj.

Haftar però non ha mai accettato il nuovo governo insediatosi a Tripoli e ha continuato a mantenere il controllo sulla Cirenaica.

Era appoggiato dal parlamento libico di Tobruk, non riconosciuto dalle Nazioni Uniti, e sostenuto da Egitto, Emirati Arabi Uniti e dalla Russia.

Morto? – Ad aprile 2018 alcuni media libici lo avevano dato per morto. E invece il generale Haftar era vivo ed è tornato in Libia.

L’uomo forte della Cirenaica ha fatto rientro a Bengasi il 26 aprile 2018: un filmato lo mostrava scendere da un aereo privato proveniente dall’Egitto.

Strappo con Roma – Ad agosto 2018 l’ambasciatore italiano a Tripoli, Giuseppe Perrone aveva affermato che la Libia non era pronta alle elezioni.

“Le dichiarazioni dell’ambasciatore italiano vanno contro la sovranità libica e il principio di titolarità nazionale del processo politico”, aveva replicato il generale Haftar.

“Riteniamo che l’ambasciatore italiano non è più gradito dalla maggioranza dei libici”, ha sottolineato Haftar in un’intervista con il quotidiano libico online Al Marsad, L’Osservatorio.

Assedio – A inizio settembre 2018 sembrava che il generale volesse marciare contro Tripoli. Haftar aveva minacciato un’azione militare contro i territori controllati da Serraj dopo giorni di scontri nella capitale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”