Covid ultime 24h
casi +20.709
deceduti +684
tamponi +207.143
terapie intensive -47

Kenya, un impianto fotovoltaico trasforma l’acqua dell’oceano in acqua potabile e disseta 25mila persone al giorno

Di Marco Nepi
Pubblicato il 26 Nov. 2019 alle 09:33 Aggiornato il 26 Nov. 2019 alle 12:34
30k
Immagine di copertina
Credits: frame dal video promozionale di Give Power Foundation

Kenya, un impianto solare trasforma l’acqua dell’oceano in acqua potabile

Nel luglio del 2018 la fondazione no-profit GivePower ha installato nella zona costiera di Kiunga in Kenya un impianto solare in grado di produrre acqua potabile attraverso un sistema di desalinizzazione dell’acqua dell’oceano. L’impianto riesce a produrre fino a 75mila litri di acqua ogni giorno, sufficienti a dissetare almeno 25mila persone.

GivePower è una fondazione lanciata dalla società Solarcity, acquistata nel 2016 dal colosso statunitense dell’energia Tesla.  Ha come obiettivio la diffusione di sistemi energetici e di impianti fotovoltaici in zone prive di risorse. Ad oggi sono già stati installati impianti solari in almeno 2650 località distribuite in 17 diversi paesi.

Nella zona del Kyunga in particolare la forte siccità intensificatasi dopo il 2014 stava causando problemi enormi. La popolazione utilizzava l’acqua salata per lavare i vestiti, i piatti e gli utensili quotidiani, ma l’assenza di sterilizzazione stava diventando un pericolo per la salute.

Il team adesso sta già lavorando a nuovi progetti da sviluppare in altre regioni con problemi di siccità. Il direttore del progetto Hayes Barnard spera inoltre nel contributo di persone del luogo e di volontari per riuscire a distribuire l’acqua in tutte le zone limitrofe agli impianto: scuole, ospedali e presidi medici.

Il Kenya di fronte a una siccità epocale: cosa si rischia

30k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.