Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Fa coming out con la famiglia a 90 anni: “Ci sono riuscito dopo 70 anni”

Immagine di copertina

Fa coming out con la famiglia a 90 anni: “Ci sono riuscito dopo 70 anni”

Ha impiegato settant’anni per fare coming out ed è accaduto anche per errore: Kenneth Felts ha rivelato alla sua famiglia di essere omosessuale a 90 anni. L’uomo vive in Colorado, precisamente ad Arvada, e si è lasciato scappare la verità in presenza della figlia Rebecca. Kenneth aveva deciso di scrivere una sua autobiografia durante il lockdown, a quel punto la figlia gli aveva chiesto quale fosse il peggior errore mai commesso in vita sua ed è stato allora che Kenneth ha risposto di getto: “Vorrei non aver mai lasciato Phillip”. S’innamorò di lui a 20 anni, tutta la vita davanti, ma erano anche gli anni Cinquanta, un’altra epoca. “Per tanto tempo ho sotterrato la verità nel fondo dell’anima, ma non volevo avere a che fare col disprezzo della società né essere etichettato come un degenerato o un pervertito. Oggi per fortuna la gente è molto più aperta e in qualche modo ho avvertito di dover trovare il coraggio di confessarlo, lo dovevo alla mia famiglia”.

Rebecca aveva confessato al padre di essere lesbica vent’anni fa. “Da un lato sono felice, ora può finalmente essere se stesso. Dall’altro mi sento terribilmente triste pensando che abbia perso l’amore della sua vita e che si sia dovuto nascondere per 70 anni”, ha spiegato la figlia di Kenneth. L’uomo ha anche aperto una pagina Facebook in cui si mostra con la sua felpa arcobaleno. “La risposta positiva della gente in tutti gli Stati Uniti e nel mondo è semplicemente meravigliosa, tanti mi hanno scritto per dirmi che la mia storia li ha aiutati a non esitare più nel confessare il loro orientamento sessuale. Spero che le persone possano trovare coraggio ed essere accettate per ciò che sono”.

E Phillip? Kenneth ha provato a contattarlo, complice anche i social. “Ho provato a ritrovare Phillip, grazie ai social sono stato messo in contattato dalla nipote: purtroppo ho saputo che è morto, ma aveva vissuto una vita felice e si era sposato con una donna. Con lui ho condiviso gli anni migliori della gioventù ed è stato lo stesso anche per lui, ne sono certo. Lo ricorderò e lo amerò per sempre”.

Leggi anche:

1. “Non esistono arabi gay”: in Israele polemica per la legge sull’orientamento sessuale / 2. Netflix cancella una serie turca con un personaggio gay dopo le pressioni del governo

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"
Esteri / Gb, Jeremy Corbyn espulso dai Laburisti: si candida come indipendente
Esteri / Gaza: la Corte de L'Aja ordina a Israele di fermare l’offensiva a Rafah. Cosa può succedere ora
Esteri / Attentato a Mosca: per la prima volta la Russia riconosce la responsabilità dell’Isis
Esteri / Può quest’uomo salvare l’Europa?
Esteri / “Solo il Mediterraneo può salvare questa Europa”
Esteri / Benvenuti a Bruxelles, capitale delle lobby: così le multinazionali condizionano le politiche Ue
Esteri / Fattore I: il peso dell’inflazione sulle elezioni europee