Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Iran ha rilasciato la studiosa iraniano-canadese arrestata a giugno

Immagine di copertina

Homa Hoodfar è stata rilasciata per ragioni umanitarie correlate al suo stato di salute. È un'esperta di genere e islam

L’Iran ha rilasciato oggi, lunedì 26 settembre 2016, la studiosa iraniano-canadese Homa Hoodfar, arrestata a Teheran in giugno, una settimana dopo che i due paesi hanno avviato dei colloqui per restaurare le relazioni diplomatiche rotte quattro anni fa.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha dichiarato che il rilascio è stato dovuto a ragioni di tipo umanitario incluso lo stato di salute della donna.

Qasemi ha aggiunto che Hoodfar, 65 anni, insegnante presso la Concordia University di Montreal ed esperta di genere e islam, ha lasciato il paese ed è in viaggio verso il Canada via Oman.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha ringraziato l’Oman, l’Italia e la Svizzera per aver assistito Ottawa, che non ha rappresentanza diplomatica in Iran, nei negoziati per il rilasciato di Hoodfar.

“Vorrei anche rendere merito alle autorità iraniane che hanno lavorato per il rilascio e il rimpatrio di Hoodfar, avendo compreso che casi come questo impediscono lo sviluppo di relazioni più produttive tra i nostri paesi”.

Nel 2012, il Canada aveva rotto le relazioni diplomatiche con Teheran, chiudendo la propria ambasciata ed espellendo i diplomatici iraniani, dopo aver denunciato la Repubblica islamica come la maggiore minaccia alla sicurezza mondiale, principalmente per via del suo programma nucleare e dell’assistenza militare prestata al presidente siriano Bashar al-Assad.

Dopo aver concluso un significativo accordo sul proprio programma nucleare con i maggiori poteri mondiali a luglio dello scorso anno, Teheran sta cercando di mettere fine al suo lungo isolamento con i paesi occidentali.

Tuttavia, i falchi iraniani non approvano tale apertura. Le guardie rivoluzionarie iraniane hanno arrestate almeno sette cittadini con doppia nazionalità o espatriati in visita in Iran nel corso dell’ultimo anno.

— Leggi anche: L’Iran ha arrestato una ricercatrice canadese iraniana

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere
Esteri / Corte Suprema anti-aborto: così da 250 anni i giudici sono al servizio della destra
Esteri / Messico, albergatore italiano ucciso a colpi di pistola: stava andando a prendere le figlie a scuole
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Potenti esplosioni avvertite a Mykolaiv, nuovi aiuti dagli Usa. Cingolani: “Se Mosca chiudesse il gas, l’inverno potrebbe essere difficile”
Esteri / Mamma vegana costringe il figlio a mangiare solo frutta e verdura cruda per 18 mesi: lui muore di fame
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera