Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Iran, sale la tensione con gli Stati Uniti: “Non negoziamo sotto costrizione”

Immagine di copertina
Credit: Afp

Mohammad Javad Zarif, ministro degli Esteri iraniano, ha dichiarato che l'Iran non porterà avanti negoziati con gli Stati Uniti fino a quando il presidente Donald Trump non rispetterà gli impegni presi nell'ambito dell'accordo sul nucleare

Sale la tensione tra l’Iran e gli Stati Uniti. Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha dichiarato che il suo paese non negozierà con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a meno che gli Usa non mostrino a Tehran “rispetto” onorando gli impegni presi nell’ambito dell’accordo sul nucleare. 

Zarif si è mostrato critico soprattutto per quanto riguarda lo stazionamento della portaerei statunitense Abraham Lincoln e di altre forze nel Golfo. “Tenere tutti queste armi in un’area così piccola è un rischio già di per sé”, ha spiegato il ministro. “È un momento in cui serve estrema prudenza e gli Stati Uniti stanno giocando a un gioco molto molto pericoloso”. 

Secondo quanto affermato dal funzionario governativo, l’Iran non si piegherà alle minacce di Trump. “L’Iran non negozia mai sotto costrizione. Si dialoga con rispetto e non con le minacce”. Il ministro ha aggiunto che “ci saranno conseguenze dolorose se ci sarà un’escalation”, spiegando però che l’Iran non è interessato ad aumentare la tensione. 

Il presidente Rohani: “Nessuna diplomazia possibile”. Il presidente iraniano Hassan Rohani ha affermato che non è possibile percorrere la strada della diplomazia con l’amministrazione Trump. “La situazione odierna non è adatta al dialogo e la nostra unica scelta è la resistenza”, ha dichiarato il leader di Teheran.

Lo scorso 8 maggio l’Iran aveva annunciato un parziale abbandono dell’accordo sul nucleare firmato nel 2015, un anno dopo la decisione del presidente Trump di stracciare l’intesa. Nello specifico il paese – attraverso una lettera inviata agli ambasciatori di Regno Unito, Cina, Unione europea, Francia e Germania – aveva deciso di non rispettare più le limitazioni sulle riserve di acqua pesante e uranio arricchito precedentemente accettate.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa