L’infettivologo francese: “Giovani contagiatevi col Covid per essere immuni a settembre”

Per il professor Eric Caumes i più giovani dovrebbero infettarsi tra di loro, ma evitando di avere contatti con i genitori e i nonni

Di Anna Ditta
Pubblicato il 2 Ago. 2020 alle 18:44 Aggiornato il 2 Ago. 2020 alle 18:52
404
Immagine di copertina
Credit: Paco Freire/SOPA Images via ZUMA Wire

“Non possiamo imporre ai giovani a mascherina ovunque e vietare di riunirsi, soprattutto in piena estate. Forse non sarà politicamente corretto, ma io sono sempre più convinto che bisogna lasciare che si contaminino fra loro, a condizione che non abbiano contatti con i genitori e i nonni. Altrimenti i giovani saranno un serbatoio di contagio e ci ritroveremo con un’epidemia ingestibile”. È un’idea che fa discutere quella lanciata dall’infettivologo francese Eric Caumes, che lavora nell’importante ospedale parigino di Pitié-Salpetrière, sulla lotta al Covid-19.

Il primario di infettivologia ritiene che sia arrivato il momento di cambiare strategia per combattere contro il Coronavirus, e propone di lasciare che i giovani si contagino durante l’estate, per raggiungere l’immunità di gregge e ritrovarsi immunizzati nel momento dell’apertura delle scuole. Per farlo, secondo il primario del reparto malattie infettive, i giovani dovrebbero però tenersi a distanza di sicurezza dai familiari più adulti: un compito particolarmente difficile in Italia, dove gli adolescenti hanno una vita meno autonoma rispetto ai teenagers dei paesi nordici e trascorrono le vacanze estive con i genitori e con i nonni, più vulnerabili al virus.

Il professor Caumes ha sottolineato che in Francia il virus “circola in diversi luoghi” e “le autorità, purtroppo non riescono più a controllare certi focolai”. Riguardo ai giovani, l’infettivologo sostiene che “lasciando che si contagino fra loro, parteciperanno all’immunità di gregge e al rientro a scuola sarà più efficace nelle scuole e nelle università”. Ciononostante, i rischi legati al Covid-19 non sono da escludere perché – come ammette lo stesso Caumes, “anche i giovani possono avere forme gravi”.

Leggi anche: 1. Documenti del CTS, il governo non vuole renderli pubblici e fa ricorso contro il Tar. TPI chiede di vederli da mesi / 2. Altro che patentino no-Covid, vi racconto il mio arrivo in Sardegna senza alcun controllo / 3. Coronavirus, nuove linee guida per la ripartenza: ok a discoteche, eventi e fiere

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

404
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.