Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ritrovati i resti di un illusionista scomparso 2 anni fa: ipotesi trucco finito in tragedia

Immagine di copertina
Ivan Klyucharev

Sono passati due anni da quando Ivan Klyucharev, 30 anni, è scomparso. Era il maggio del 2017 quando il ragazzo è sparito nel nulla, senza lasciare tracce. Il 30enne nella vita faceva l’illusionista e per questo era stato ribattezzato l’Harry Houdini russo. Dopo due anni di ricerche, i resti di Ivan sono stati ritrovati.

Ancora non è chiaro come sia morto il trentenne russo, ma gli inquirenti ora stanno esaminando una telecamera trovata accanto a quel che restava del ragazzo, nella speranza che non i file registrati siano ancora consultabili.

La polizia, però, sembra seguire la pista del trucco di illusione finito male. A far ipotizzare questa morte è il fatto che Ivan è stato ritrovato con i polsi ammanettati al tronco di un albero, in un bosco che dista circa 80 chilometri da Mosca.

Ma non solo: a far sospettare agli inquirenti che Ivan fosse intento a provare un nuovo trucco è stato il ritrovamento di ben cinque paia di manette, oltre a diversi lucchetti e a delle catene. Quello che pensa la polizia, per ora, è che il giovane stesse tentando di liberarsi dalle catene, proprio come il grande Houdini, ma qualcosa sarebbe andato storto.

Non si esclude ancora però la pista dell’omicidio. È possibile che Ivan Klyucharev sia stato ammazzato e poi incatenato all’albero, con gli “strumenti” accanto, per fingere che si sia trattato un incidente.

A scoprire il cadavere del giovane ormai in decomposizione è stato un uomo, Eduard Karpov, che passeggiava nel bosco.

La testimonianza dell’uomo è inquietante: “Ho visto prima il cranio ancora coperto da una felpa e il suo scheletro era coperto di foglie”. Gli inquirenti hanno fatto sapere che il 30enne “era nella lista delle persone scomparse. È stato stabilito che l’uomo era membro di una comunità che praticava abilità di sopravvivenza in condizioni estreme. L’analisi forense è stata ordinata per stabilire l’esatta causa della morte”.

Un amico del ragazzo ha riferito ai media russi: “Secondo me è andato nella foresta e ha deciso di provare a liberarsi dalle catene, gettando via le chiavi”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale