Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

John Lee, l’ex ministro che represse le proteste, eletto governatore di Hong Kong: era l’unico candidato

Immagine di copertina

Hong Kong, l’ex ministro John Lee eletto governatore: era l’unico candidato

John Lee Ka-chiu, ex ministro della Sicurezza di Hong Kong, è stato eletto nuovo governatore della Regione amministrativa speciale cinese.

Lee, 64 anni, era l’unico candidato e ha ottenuto 1.416 voti su 1.424, la maggioranza più ampia della storia in questo tipo di elezione. Ex poliziotto, nel 2017 è stato nominato segretario alla Sicurezza.

Filocinese, John Lee Ka-chiu, noto come un “falco della sicurezza” e descritto come un “boia” pronto a eseguire tutto ciò che gli veniva chiesto, ha avuto un ruolo centrale nel promuovere un disegno di legge sull’estradizione verso la Cina nel 2019 e soprattutto nel reprimere le proteste che ne scaturirono subito dopo.

Dopo le proteste del 2019, infatti, Lee contribuì a introdurre una legge sulla sicurezza nazionale che permette di arrestare chiunque si renda responsabile di atti di “sedizione, sovversione e secessione”, decapitando di fatto i movimenti pro-democrazia.

Nel 2021, era stato nominato segretario capo dell’amministrazione uscente di Carrie Lam, la seconda carica più alta nel governo della città.

“Continueremo a sostenere il rispetto della legge, che è il pilastro fondamentale del nostro buon governo – ha dichiarato Lee subito dopo la proclamazione – affronteremo le sfide future con fiducia assoluta, salvaguardando la sovranità, la sicurezza nazionale e lo sviluppo del nostro paese”.

Pechino ha espresso la sua soddisfazione per l’elezione di John Lee Ka-chiu, mentre l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue Josep Borrell ha manifestato la sua contrarietà dichiarando: “L’Unione europea deplora questa violazione dei principi democratici e del pluralismo politico e considera questo processo di selezione come un ulteriore passo verso lo smantellamento del principio ‘un Paese, due sistemi”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”
Esteri / La scrittrice Sophie Kinsella: “Ho un cancro al cervello, sto facendo chemioterapia”
Esteri / Serie di attacchi di Hezbollah al Nord di Israele: 18 feriti. Tajani: “G7 al lavoro per sanzioni contro l’Iran”. Netanyahu: “Israele farà tutto il necessario per difendersi”
Esteri / Copenaghen, distrutto dalle fiamme gran parte dell’edificio della Borsa | VIDEO