Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

A Hong Kong la marcia pro-democrazia, gli organizzatori: “800mila manifestanti”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/EPA/JEROME FAVRE

A Hong Kong la marcia pro-democrazia con 800mila persone

Le strade di Hong Kong sono un fiume in piena: gli organizzatori hanno stimato che alla marcia pro-democrazia dell’8 dicembre hanno partecipato 800mila persone. A riferirlo è il Civil Human Rights Front, che ricorda come la manifestazione sia stata la prima autorizzata dalla polizia dallo scorso agosto.

Joshua Wong, tra i volti internazionali della protesta, è stato intervistato a Hong Kong dal direttore di TPI Giulio Gambino.

“La polizia di Hong Kong stupra le manifestanti. Alcune di loro sono anche rimaste incinte”, denuncia Joshua Wong nell’intervista esclusiva a TPI.

 

Jimmy Sham, coordinatore del Civil Human Rights Front, ha commentato il voto del 24 novembre alle distrettuali del campo pro-democrazia: la gente è “arrabbiata, malgrado la vittoria elettorale”.

“Non credo che le lamentele della gente si siano alleviate. Abbiamo votato e volevamo che la parte pro-establishment perdesse, ma non era tra le nostre richieste”. Cinque le rivendicazioni del movimento per la governatrice Carrie Lam: il ritiro della riforma della legge sulle estradizioni in Cina (avvenuto a ottobre); fine dell’uso del termine “rivoltosi” ai partecipanti alle proteste; un’indagine indipendente sugli abusi della polizia; il rilascio degli arrestati nelle proteste; il suffragio universale per la carica di governatore. Per la polizia in strada sarebbero scese 183mila persone, contro le 800mila circa degli organizzatori.

Credit: ANSA/EPA/MIGUEL CANDELA

La polizia ha diffuso anche la notizia del ritrovamento di una pistola semiautomatica Glock e 105 proiettili nell’ambito di un’operazione anticrimine in vista del corteo. Undici le persone arrestate, tra cui otto uomini di età tra i 20 e i 63 anni. Il sovrintendente per il crimine organizzato e le triadi, Li Kwai-wah, ha fatto sapere che per la prima volta la polizia ha sequestrato un’arma da fuoco, oltre a due giubbotti anti-proiettile, coltelli, spade, manganelli e spray urticanti.

Il materiale è stato ritrovato in diversi locali del centro di Hong Kong, lungo il percorso della marcia. I media locali riferiscono che alcune delle persone arrestate sarebbero vicine ai gruppi “radicali” che a ottobre hanno lanciato molotov contro la stazione di polizia di Mong Kok.

La polizia ha minacciato di adottare “azioni necessarie” qualora i manifestanti non dovessero disperdersi una volta arrivati a Central, il punto di arrivo della marcia. Gli organizzatori stessi hanno invitato i partecipanti a seguire il percorso autorizzato dalla polizia, per evitare gli scontri.

Diversi gli arresti effettuati, anche se non è ancora nota la ragione. Scambio di insulti tra la polizia in assetto antisommossa e i partecipanti alla marcia pro-democrazia a Des Voeux Road Central, snodo viario strategico nel cuore di Hong Kong. Secondo quanto si vede dai social, in migliaia sarebbero intenzionati a continuare la manifestazione dirigendosi verso il distretto finanziario.

Leggi anche: 

TPI INTERVISTA ESCLUSIVA A HONG KONG: “Io sono Joshua Wong: arrestato 8 volte, bloccato nel mio paese e perseguitato dalla Cina. Vi spiego la mia lotta per Hong Kong”

Esclusivo: Hong Kong, TPI in piazza tra i manifestanti per documentare gli scontri con la polizia

Hong Kong: dalla legge sull’estradizione alla protesta, cosa succede

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore