Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Tensioni ad Haiti dopo la diffusione dei risultati delle elezioni

Immagine di copertina

Uno dei partiti in corsa ha accusato una delle fazioni opposte di aver commissionato la morte di un uomo ucciso il 4 novembre

Ad Haiti continuano le tensioni dopo che il 4 novembre è stato ucciso un uomo nella comunità di Dame-Marie, nell’estremo ovest del Paese, in seguito alla diffusione dei risultati delle elezioni tenutesi il 25 ottobre.

Secondo l’ex deputato della Coordination nationale de l’Organisation du peuple en lutte (OPL) – Coordinazione nazionale dell’organizzazione del popolo in lotta – il mandante dell’omicidio sarebbe Curolo Loiseau, il candidato del partito dell’ex presidente del Paese René Garcia Préval.

La seconda tornata di elezioni, in cui i cittadini di Haiti erano chiamati a votare per presidente, parlamento e sindaci locali, si era svolta a fine ottobre senza che si generassero scontri.

Alla prima tornata, tenutasi ad agosto, diversi gruppi di attivisti politici rivali avevano attaccato i seggi, nonostante i 12mila agenti di polizia incaricati di monitorare il corretto svolgimento delle operazioni di voto.

Gli haitiani dovranno tornare alle urne il 27 dicembre per il ballottaggio che stabilirà chi tra Jovenel Moïse, a capo di una società di esportazione di banane, e Jude Célestin, ex direttore di un’agenzia di costruzioni governativa, diventerà presidente di Haiti.

Jovenel Moïse fa parte dell’attuale maggioranza, rappresentata dal Parti haitien tet kale – Partito haitiano delle teste calve – in riferimento alla testa rasata del presidente uscente Michel Martelly. 

Jude Célestin è invece a capo del partito Lapeh – Lega alternativa per il progresso e l’emancipazione di Haiti. 

Leggi anche Cosa succede ad Haiti 

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza