Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Tensioni ad Haiti dopo la diffusione dei risultati delle elezioni

Immagine di copertina

Uno dei partiti in corsa ha accusato una delle fazioni opposte di aver commissionato la morte di un uomo ucciso il 4 novembre

Ad Haiti continuano le tensioni dopo che il 4 novembre è stato ucciso un uomo nella comunità di Dame-Marie, nell’estremo ovest del Paese, in seguito alla diffusione dei risultati delle elezioni tenutesi il 25 ottobre.

Secondo l’ex deputato della Coordination nationale de l’Organisation du peuple en lutte (OPL) – Coordinazione nazionale dell’organizzazione del popolo in lotta – il mandante dell’omicidio sarebbe Curolo Loiseau, il candidato del partito dell’ex presidente del Paese René Garcia Préval.

La seconda tornata di elezioni, in cui i cittadini di Haiti erano chiamati a votare per presidente, parlamento e sindaci locali, si era svolta a fine ottobre senza che si generassero scontri.

Alla prima tornata, tenutasi ad agosto, diversi gruppi di attivisti politici rivali avevano attaccato i seggi, nonostante i 12mila agenti di polizia incaricati di monitorare il corretto svolgimento delle operazioni di voto.

Gli haitiani dovranno tornare alle urne il 27 dicembre per il ballottaggio che stabilirà chi tra Jovenel Moïse, a capo di una società di esportazione di banane, e Jude Célestin, ex direttore di un’agenzia di costruzioni governativa, diventerà presidente di Haiti.

Jovenel Moïse fa parte dell’attuale maggioranza, rappresentata dal Parti haitien tet kale – Partito haitiano delle teste calve – in riferimento alla testa rasata del presidente uscente Michel Martelly. 

Jude Célestin è invece a capo del partito Lapeh – Lega alternativa per il progresso e l’emancipazione di Haiti. 

Leggi anche Cosa succede ad Haiti 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Macron non esclude l’invio di caccia a Kiev
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Macron non esclude l’invio di caccia a Kiev
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Esteri / La Cina accusa gli Stati Uniti per la guerra in Ucraina: “Hanno innescato la crisi e ora la stanno alimentando”
Esteri / L’imprenditore Usa che vuole tornare 18enne (con 2 milioni l’anno): in due anni l’età è “scesa” di 5
Esteri / Capsula radioattiva smarrita in Australia, tecnici della Rio Tinto e autorità locali alla ricerca: “È molto pericolosa”
Esteri / “Per colpire il Regno Unito con un missile ci vuole un minuto”: la minaccia di Putin a Boris Johnson
Esteri / Messico, influencer napoletano scambiato per un narcos: "Rinchiuso in una stanza buia"
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri