Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guinea-Bissau, il presidente scioglie il Governo: è crisi politica

Immagine di copertina
La cartina della Guinea-Bissau e il presidente José Mário Vaz

Jose Mario Vaz ha definito quella del paese una "grave crisi politica"

Guinea-Bissau, il presidente scioglie il Governo

Il presidente della Guinea Bissau Jose Mario Vaz ha rimosso dall’incarico ieri, lunedì 28 ottobre 2019, il suo governo “con effetto immediato”, creando dubbi sulle elezioni del mese prossimo. A riferirlo è l’agenzia di stampa AFP.

Vaz ha affermato che la decisione, che è stata letta alla radio nazionale, si basa su quella che ha definito una “grave crisi politica” nel Paese, che “aveva impedito il normale funzionamento di alcune istituzioni”.

La mossa arriva giorni dopo che il primo ministro Aristide Gomes ha denunciato un tentativo di colpo di stato e la polizia ha represso violentemente una protesta dell’opposizione. Sabato un manifestante è stato ucciso sabato e altre persone sono rimaste ferite durante una manifestazione in cui si chiedeva di ritardare le elezioni del 24 novembre. L’opposizione vuole che le elezioni tardino a dare il tempo di ripulire il registro elettorale per prevenire le frodi degli elettori.

Vaz, 62 anni, è in carica dal 2014 dopo aver vinto le elezioni al ballottaggio. Gli analisti hanno visto la sua vittoria come un nuovo inizio per un Paese che aveva conosciuto solo colpi di stato e disordini dalla fine del dominio portoghese nel 1974. Il mandato presidenziale di Vaz ha, tuttavia, visto andare e venire una serie di primi ministri.

Il licenziamento del 2015 dell’allora primo ministro Domingos Simoes Pereira sembra aver scatenato l’attuale crisi. Il mandato quinquennale di Vaz è scaduto il 23 giugno, ma rimane temporaneamente nel quadro di un piano di mediazione elaborato dalla Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale di 15 nazioni (ECOWAS). Contesterà le prossime elezioni come candidato indipendente insieme ad altri 11 candidati.

Crisi, corruzione e cocaina: la Guinea-Bissau è ancora un “narcostato”?

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown