Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il deputato leghista in Russia: “Pronto ad andare nel Donbass. La guerra? Qui i ristoranti sono pieni”

Immagine di copertina

Guerra Ucraina, il deputato della Lega Vito Comencini in Russia

“Sono pronto a partire per il Donbass”: lo afferma il deputato della Lega, Vito Comencini, dalla Russia dove si trova da tre giorni nonostante la guerra in Ucraina.

Intervistato da La Repubblica, il parlamentare del Carroccio è a San Pietroburgo, città natale della moglie. Il leghista si è detto pronto a partire per il  Donbass “se sarà possibile. In caso contrario mi fermerò a Rostov, dove molti dei profughi giunti dalle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk hanno trovato riparo”.

Comencini, quindi, spiega di non sentirsi filo-Putin, ma piuttosto “un identitario. Difendo i valori della civiltà classico cristiana in Europa”.

Secondo lui, l’invasione russa in Ucraina (qui gli ultimi aggiornamenti), “è anche una conseguenza della guerra in Donbass, per il mancato rispetto degli accordi di Minsk, che prevedevano una soluzione pacifica e diplomatica dopo otto anni di ostilità. Sono stato lì due volte, ho toccato con mano la disperazione. Il conflitto è proseguito nel silenzio generale”.

E alla domanda se in Russia i cittadini siano terrorizzati dalla guerra in Ucraina, il deputato leghista risponde: “Qui i ristoranti sono pieni, i negozi pure. Una signora, per sdrammatizzare, mi ha detto: ‘Vuol dire che per un po’ mangeremo patate e cavolfiori'”.

“In Russia – continua Vito Comencini – pensano che lo scontro sia tra Nato e Russia. L’Ucraina a quanto pare è al centro di un conflitto più complesso, che ha radici più profonde, legate al suo rapporto con gli Usa”.

“Qui sono convinti che i civili ucraini vengano utilizzati come scudi umani. Pensano che le forze armate siano composte da molti elementi neonazisti” afferma il leghista, che poi dice di non credere a ciò che viene detto in tv: “Tante volte è il frutto di una propaganda mediatica. Qui le tv locali denunciano fake news”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, gli Usa: "Israele ha più o meno accettato"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, gli Usa: "Israele ha più o meno accettato"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”