Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Russia: l’inviato speciale di Putin Anatoly Chubais si è dimesso e ha lasciato il Paese. Era contrario alla guerra in Ucraina

Immagine di copertina

Guerra in Ucraina: Anatoly Chubais si dimette e lascia la Russia

L’inviato veterano del Cremlino Anatoly Chubais ha rassegnato le sue dimissioni e ha lasciato il Paese in un apparente segnale di protesta contro l’invasione della Russia in Ucraina. Le sue dimissioni sono state confermate oggi dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, secondo cui Chubais, 66 anni, ha abbandonato l’incarico di sua spontanea volontà. Ex capo di Rao e Rusnano, era stato nominato consigliere per lo sviluppo sostenibile.

Inviato speciale presso le organizzazioni internazionali per Putin dal 2020, Chubais è il primo tra i funzionari governativi di lunga data a dimettersi e si tratta della più alta defezione dall’inizio della guerra d’invasione. Dopo essere stato raggiunto telefonicamente dall’agenzia Reuters, Chubais non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione riguardo alle sue dimissioni, né ha spiegato il motivo della sua partenza dalla Russia. Secondo le indiscrezioni raccolte dalle agenzie Bloomberg e Tass, si sarebbe licenziato perché contrario all’offensiva in Ucraina. Negli ultimi anni Chubais aveva chiesto con insistenza l’attuazione delle riforme economiche nel Paese ed è ritenuto uno dei liberali più in vista del governo russo dopo aver occupato diversi alti ruoli manageriali e politici sotto la presidenza di Putin.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi