Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Chi è Oleksandr Kamyshin, l’arma segreta dietro la resistenza ucraina che i russi vogliono morto dopo Zelensky

Immagine di copertina

È l’obiettivo numero 2 di Putin dopo Zelensky. Oleksandr Kamyshin, 37 anni, è il capo delle Ferrovie ucraine e proprio grazie alla capillarità della sua rete ferroviaria è in grado di raggiungere qualsiasi obiettivo a lunghissima distanza diventando una vera e propria arma in mano alla resistenza ucraina.

Un inviato della BBC ha seguito Oleksandr Kamyshin per diversi giorni cercando di capire come i treni possano salvare il Paese e perché proprio il capo delle ferrovie è diventato l’incubo del Cremlino.

Kamyshin cambia continuamente piani e non resta mai troppo a lungo in un posto. Le Ferrovie ucraine sono il principale datore di lavoro in Ucraina, con 231mila dipendenti sparsi in 603.470 chilometri quadrati di territorio – l’Ucraina è il secondo Paese più grande d’Europa dopo la Russia. .

Secondo Kamyshin, dall’inizio della guerra il suo staff ha portato in salvo 2,5 milioni di persone, ma a caro prezzo. “Le nostre ferrovie vengono colpite ogni giorno e dobbiamo aggiornare costantemente le tabelle di viaggio”.

“Finora abbiamo perso 33 dipendenti, ma loro continuano ad affrontare i bombardamenti mettendo a rischio la loro vita per salvare quella degli altri,” spiega.

I binari delle ferrovie ucraine non servono solo a salvare i rifugiati, ma anche a consegnare tonnellate di aiuti nelle zone di combattimento, a trasportare le truppe sulle linee del fronte e a continuare ad esportare qualsiasi cosa l’Ucraina riesca produrre in tempi di guerra.

Kamyshin ha inoltre avviato un progetto ambizioso che potrebbe salvare le sorti del Paese: trasferire la produzione – persone, idee, piani industriali, macchinari – da est a ovest, tralasciando lo sbocco sul mare dopo il blocco attuato nei porti principali ucraini da parte della Russia.

Il capo delle Ferrovie è convinto che la parte occidentale del Paese possa e debba fare di più per consegnare aiuti e fornire armamenti e ripete il mantra del governo per chiedere una no-fly zone alla Nato. “Continueremo a riparare i binari e a far correre i nostri treni fino a quando sarà possibile. Comunque vada, sarà l’Ucraina a vincere questa guerra.”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Google chiude i suoi uffici in Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Google chiude i suoi uffici in Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, Draghi: "Espellere diplomatici atto ostile ma dialogo continui". Mosca: "Pronti per ripresa negoziati"
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Esteri / Al Congresso Usa si è tenuta la prima audizione sugli Ufo