Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Minneapolis, la moglie dell’ex agente Derek Chauvin ha annunciato il divorzio dal marito: “Devastata dalla morte di Floyd”

Immagine di copertina

La moglie di Derek Chauvin chiede il divorzio dal marito

Dopo l’arresto e l’incriminazione per la morte dell’afroamericano George Floyd, l’ex agente Derek Chauvin è stato abbandonato dalla moglie, che ha annunciato il divorzio. Un avvocato dello studio Sekula Law Offices, che rappresenta Kellie Chauvin, ha diffuso una dichiarazione in cui ha affermato che la donna, ex regina di bellezza del Minnesota, è “devastata” dalla morte dell’afroamericano e ha deciso di “sciogliere il suo matrimonio”. Stasera ho parlato con Kellie Chauvin e la sua famiglia. È devastata dalla morte del signor Floyd i suoi pensieri e la sua vicinanza vanno alla famiglia della vittima, ai suoi cari e a tutti coloro che soffrono per questa tragedia”, si legge nella nota del legale. “Sebbene la signora Chauvin non abbia figli dal suo attuale matrimonio, chiede sicurezza e privacy per i suoi figli, i genitori e tutta la sua famiglia in questo momento difficile”, ha aggiunto l’avvocato.

Chi è Kellie Chauvin, la moglie dell’ex agente di Minneapolis

Kellie Chauvin è nata in Laos nel 1974, durante la guerra. Prima di emigrare negli Stati Uniti, la sua famiglia è scappata in Thailandia e ha vissuto in un campo profughi. Nel 2018 la donna Hmong ha vinto il concorso di bellezza Miss Minnesota. Secondo quanto riportato dal Daily Mail, in un’intervista rilasciata in occasione di quella vittoria, Kellie dichiarò che, sotto l’uniforme di polizia, il compagno Derek era un “gentiluomo” pronto a tenerle sempre la porta aperta. Ma la morte del 46enne afroamericano sotto il ginocchio del marito ha probabilmente sconvolto l’ex reginetta di bellezza, nonostante il poliziotto si fosse distinto già in passato per episodi di violenza e fosse stato segnalato per cattiva condotta.

Nel 2006 Chauvin, che è un veterano di guerra in servizio a Minneapolis da 19 anni, è stato uno dei sei ufficiali del Terzo distretto a sparare in una casa di Minneapolis, nell’ambito di un caso su cui non è mai stata fatta chiarezza sull’uso di armi da fuoco.  Nel 2008, quando fu chiamato in una residenza per un incidente domestico che aveva coinvolto una donna rimasta chiusa in bagno, l’uomo colpì due volte la vittima, sparandole nell’addome nel corso di una colluttazione. Eppure, il quotidiano Pioneer Press riporta che all’inizio del 2008 Chauvin ricevette una medaglia al valore per la sua risposta nell’incidente. Nel 2011, Chauvin è stato posto in congedo temporaneo dopo aver risposto a una sparatoria. L’agente è stato anche oggetto di denunce per la sua condotta, anche se i dettagli di questi casi non sono stati resi pubblici e non hanno comunque portato a nessuna azione disciplinare contro l’ex poliziotto, arrestato ieri, venerdì 29 maggio, con l’accusa di omicidio.

George Floyd, nuovo video sul momento dell’arresto: erano tre i poliziotti che lo schiacciavano

 

 

Leggi anche: 1. Usa, proteste per il caso George Floyd: ultime notizie. L’autopsia esclude la morte per soffocamento, un morto negli scontri a Detroit 2. “Il gigante buono”: chi era l’afroamericano morto soffocato dalla polizia negli Usa 3. Derek Chauvin, cosa sappiamo sul poliziotto che ha ucciso l’afroamericano George Floyd 4. George Floyd, spunta il video-verità che smentisce la polizia. La sequenza completa dell’arresto | VIDEO

 

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore capo chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e i leader di Hamas. Israele: "Uno scandalo". Biden: "Oltraggioso". Hamas: "Equipara vittime e carnefice"
Esteri / Iran: Mokhber presidente ad interim. Ali Bagheri nominato ministro degli Esteri. Domani i funerali di Stato. Aperta un'indagine sull'incidente. Il Consiglio di Sicurezza Onu osserva un minuto di silenzio
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: eliminati nel Donbass 125 militari ucraini in 24 ore
Esteri / Televisione israeliana: sospese le trattative su ostaggi. Attaccata petroliera al largo dello Yemen. Idf: "Ucciso Khamayseh"