Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa, afroamericano fermato dalla polizia muore soffocato: agenti licenziati | VIDEO

Immagine di copertina

George Floyd è stato bloccato a terra con un ginocchio di un poliziotto al collo. "Lasciatemi, non riesco a respirare", le sue ultime drammatiche parole

Usa, afroamericano morto soffocato dopo un controllo della polizia: video

“Lasciatemi, non riesco a respirare”: sono le ultime drammatiche parole di un cittadino afroamericano morto negli Stati Uniti dopo essere stato ammanettato dalla polizia e soffocato, bloccato a terra con un ginocchio dell’agente sul collo. L’uomo, George Floyd, era stato fermato durante un controllo, nella città di Minneapolis. La scena è diventata virale grazie a un video girato da un passante e poi messo online, un video che ora scuote l’intero Paese.

Cosa è successo: il video

Le immagini del video mostrano un uomo disarmato steso a terra, bloccato da un agente. Il poliziotto tiene per circa 8 minuti il ginocchio premuto sul collo dell’afroamericano, steso a faccia in giù, nonostante continui a dire “Non respiro”.  Il sospettato ha poi avuto una crisi, è stato portato d’urgenza in ospedale dove è morto poco dopo.

Durante il controllo l’agente non ha allentato la presa su Floyd neanche quando l’uomo sembrava aver perso i sensi, e nonostante altri passanti gli chiedessero di controllargli il battito cardiaco.

Secondo una prima ricostruzione, una pattuglia di poliziotti era stata allertata per la presenza di un uomo in un’auto che sembrava sotto l’effetto di stupefacenti. Arrivati sul posto, gli agenti avrebbero quindi intimato all’uomo di scendere dalla vettura, ma questo ha cominciato ad opporre resistenza. George Floyd aveva circa 40 anni. Sembra che, poco prima di essere fermato, avesse cercato di usare un documento falso in un negozio.

Il caso Garner nel 2014

L’episodio del Minnesota ricorda un altro caso simile e tristemente noto, quello del newyorchese Eric Garner nel 2014. L’afroamericano, disarmato, fu bloccato con una presa al collo da un agente su un marciapiede. Continuò a ripetere “Non respiro, non respiro”, per poi perdere la vita. Allora la scena fu ripresa da un amico della vittima e diffusa online.

Afroamericano morto soffocato: poliziotti licenziati

Come riferito sindaco di Minneapolis Jacob Frey i 4 agenti della polizia coinvolti nella morte dell’afroamericano sono stati licenziati. Frey l’ha definita la “scelta giusta”. Il capo delle forze dell’ordine della città, Medaria Arradondo, ha poi dichiarato che i 4 poliziotti sono ora “ex dipendenti” del dipartimento.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L'Ungheria vieta la "promozione dell'omosessualità ai minori"
Esteri / Ikea condannata in Francia per aver fatto spiare lavoratori e clienti
Esteri / Gemelle sposano lo stesso uomo: “Stiamo provando a restare incinte nello stesso momento”
Esteri / New York, fattorino accoltellato mentre è in bici termina la consegna prima di andare in ospedale
Esteri / L’Afghanistan è senza vaccini, e i bambini pagano il prezzo dell’egoismo dei paesi ricchi
Esteri / “Pipistrelli vivi in gabbia”: il video che smentisce l’Oms | VIDEO
Esteri / “L’Ultimo G7”. La Cina irride l’Occidente, tranne l’Italia: “Lupo che resiste agli Usa”
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare