Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Perché i francesi stanno boicottando Amazon in vista del Natale

Immagine di copertina

"Caro Babbo Natale, quest'anno prendiamo l'impegno di un #NatalesenzaAmazon".

Perché i francesi stanno boicottando Amazon in vista del Natale

In Francia sarà un Natale senza Amazon: questa è la scelta dei cittadini che vogliono sostenere i negozi locali messi in ginocchio dalla pandemia e la conseguente chiusura. Amazon, il colosso dell’e-commerce, non sembra cedere terreno neanche davanti al Covid ed è per questo che i francesi hanno scelto di boicottarlo acquistando nelle botteghe locali, un’iniziativa che risponde al nome di #NoelsansAmazon e che è partita proprio dalla sindaca di Parigi, diventando ben presto una vera e propria petizione.

“Caro Babbo Natale, quest’anno prendiamo l’impegno di un #NatalesenzaAmazon”

La petizione, firmata da persone fisiche ed associazioni come Greenpeace, dipinge un quadro circa le conseguenze sociali, fiscali e ambientali dello sviluppo di Amazon: “Tra un anno potremo avere le città deserte, i negozi chiusi e la vita sul click”.

Nel testo della petizione si legge: “La crisi sanitaria che stiamo attraversando ha già avuto conseguenze drammatiche in Francia: migliaia di posti di lavoro sono scomparsi, la disoccupazione ha raggiunto il 9% e un milione di persone sono cadute in povertà. Questa situazione senza precedenti è la conseguenza diretta dei nostri metodi di produzione, globalizzati, e del nostro consumo di risorse naturali, irragionevole. Per uscire da questa crisi”, prosegue la nota, “dobbiamo recuperare due cose: la nostra sovranità nazionale ed europea e il nostro spirito di solidarietà. Promettiamo, Babbo Natale: d’ora in poi, ci sforzeremo tutti di più”.

I firmatari della petizione invocano il ricorso ai minimarket o all’economia circolare in vista del Natale. “Ci sono anche aziende che puntano sull’economia circolare per offrire online prodotti riciclati più economici e più responsabili. Per non parlare dei prodotti di seconda mano, del ‘fai-da-te’, il riutilizzo di materiali usati per l’artigianato o la creazione a casa”.

Leggi anche:

1. Usa, nasce Amazon Pharmacy: medicinali in vendita online, con o senza ricetta. Ecco come funziona / 2. Francia, proposta shock di un medico: “Cancelliamo le feste di Natale e Capodanno o avremo la terza ondata di Covid”

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”
Esteri / Trascinato dall’auto e lasciato agonizzante a terra: il “linciaggio” di un uomo accusato di essere palestinese
Esteri / Regno Unito, bambino di 9 anni colpito da un fulmine muore in campo
Esteri / L'indifferenza dell'Europa, le follie di Trump: ecco le vere colpe nel dramma di Gaza e del Mediterraneo (di Alberto Negri)
Esteri / Gaza-Israele: 90 vittime e 487 feriti. Biden difende gli israeliani
Esteri / Com'è iniziato il peggior conflitto degli ultimi anni tra Israele e Gaza
Cronaca / “La pandemia poteva essere evitata”: l’inchiesta indipendente che riscrive la storia del Covid
Esteri / Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”