Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Si finge pediatra e rapisce un neonato in ospedale

Immagine di copertina
Ospedale universitario di Guadalajara

La donna, 35 anni, è affetta da una profonda depressione per la perdita di un bambino di pochi mesi

Si è finta una pediatra, si è infilata nella stanza in cui il piccolo dormiva e l’ha portato via dalla culla. È successo in Spagna, tra i corridoi dell’ospedale di Guadalajara, dove la donna, 35 anni, con la scusa di dover fare alcune analisi sul neonato, l’ha portato via dalle braccia della madre e ha tentato la fuga.

I fatti, raccontati dai media spagnoli, risalgono al 2 febbraio 2019. Attorno a mezzogiorno, la donna ha indossato un camice ed è entrata nella stanza dei neo genitori del bambino, portandolo via con una scusa banale. I due si sono fidati di quella donna, convinti che fosse un medico dell’ospedale. La coppia, però, dopo una attesa che sembrava essere infinita, ha iniziato a preoccuparsi.

A quel punto i due si sono rivolti a un altro medico, chiedendo spiegazioni. Immediato è scattato l’allarme: quella donna aveva rapito il loro piccolo nato da pochi giorni. Alla base del folle gesto, la depressione profonda di cui la donna soffriva da quando aveva perso un figlio di pochi mesi.

LEGGI ANCHE: Adesca una bambina di 3 anni con del cioccolato, poi la rapisce, la stupra e la uccide con un mattone

Le forze dell’ordine hanno subito avviato le ricerche e la donna è stata rintracciata e tratta in arresto. Determinante per l’operazione la testimonianza di un farmacista che lavora a pochi chilometri dall’ospedale. A insospettire il farmacista era stato l’evidente nervosismo della donna, entrata nel suo negozio per chiedere latte in polvere e quanto di necessario per un neonato.

Quando i poliziotti hanno raggiunto la casa della donna, anche grazie alle indicazioni di un vicino, hanno trovato la 35enne in lacrime. La donna ha cercato in tutti i modi di negare di aver rapito quel bambino, asserendo di esserne la madre naturale. Prova incontrovertibile, però, è stata l’identificazione numerica del cordone ombelicale del piccolo.

È stato lo stesso papà del neonato a prendere dalle braccia della donna il suo bambino. Alla 35enne sono state messe le manette ai polsi. Il commissario José Arroyo ha parlato di una “vicenda drammatica, ma che per fortuna si è conclusa con un lieto fine”. Un ringraziamento particolare è stato espresso dalla polizia ai cittadini che hanno collaborato attivamente “per risalire alla responsabile del rapimento: se la città è sicura, il merito è anche loro”, ha precisato Arroyo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Ti potrebbe interessare
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti