Covid ultime 24h
casi +17.012
deceduti +141
tamponi +124.686
terapie intensive +76

New York: uccide il padre a coltellate durante una videochiamata su Zoom

Ad avvertire la polizia sono stati proprio i partecipanti alla chat, che hanno assistito al delitto

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 22 Mag. 2020 alle 16:53
30
Immagine di copertina

New York: figlio uccide il padre durante una videochiamata su Zoom

Figlio uccide il padre durante una videochiamata su Zoom: è quanto accaduto nello stato di New York nella giornata di giovedì 21 maggio. A raccontare la macabra vicenda è stata la Bbc. Secondo quanto ricostruito dall’emittente, che cita fonti dalla polizia, la vittima, un 72enne, è stato pugnalato a morte dal figlio 32enne, mentre era impegnato in una videochat su Zoom, una piattaforma web che fornisce servizi di teleconfereenza, alla quale partecipavano altre 20 persone, che hanno assistito attonite all’omicidio. Dopo aver ucciso il padre Dwight Powers, Thomas Scully-Powers, questo il nome dell’assassino, è saltato fuori dalla finestra del suo appartamento ed è fuggito nel villaggio di Amityville, a Long Island.

Francesco Sole e Giulia Cavaglia, video sui social: “Vi chiedo di segnalarlo, stanno violando la mia privacy”

Circa un’ora dopo il delitto, il ragazzo è stato rintracciato dalla polizia, sulle sue tracce dopo la denuncia dei partecipanti alla videochiamata, e arrestato con l’accusa di omicidio di secondo grado. I motivi che hanno spinto il giovane ad assassinare il proprio padre non sono ancora noti. La polizia di Suffolk ha infatti dichiarato che ulteriori informazioni sull’omicidio sarebbero state divulgate una volta che l’omicida, il quale durante l’arresto è stato ferito, fosse stato curato e successivamente dimesso dall’ospedale.

Leggi anche: 1. Lancia il gatto durante una videocall su Zoom: politico costretto alle dimissioni / 2.  Oristano, gaffe a luci rosse durante il consiglio comunale in streaming: si spoglia in diretta con la webcam accesa

30
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.