Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il professore anti-Brexit: “Ho cambiato idea, l’immigrazione sta causando il collasso dell’Unione”

Immagine di copertina
Pr Ferguson l'immigrazione sta causando il collasso dell'Europa

Niall Ferguson ha rivisto la sua posizione sulla Brexit e ha spiegato che i confini europei sono indifendibili e che i valori dell'occidente e dell'islam non possono convivere

L’editorialista britannico e professore di storia Niall Ferguson, si è espresso sulla diffusione del populismo in Europa e sulle vicende in tema di immigrazione che stanno interessando l’Unione da quando è stato eletto il nuovo governo italiano.

Il professore era tra coloro che si erano opposti all’uscita della Gran Bretagna dall’Europa, ma nel suo nuovo articolo sul Sunday Time ammette di aver rivisto le sue posizioni.

Ferguson sottolinea però che i problemi che stanno causando la crisi del sistema europeo che il Regno Unito ha deciso di abbandonare non sono legati all’austerità, alle  regole sul deficit o sul debito, né ai problemi della povertà e della diseguaglianza.

La situazione non dipende nemmeno dai disaccordi sull’unione bancaria, o sul bilancio comune, o sulla creazione del Fondo monetario europeo: il vero problema che l’Unione non riesce a risolvere è  l’immigrazione.

La gestione del flusso dei miranti che entrano in Europa è stato descritto da Ferguson “intractable”, cioè intrattabile.

La scelta del temine non è casuale: i matematici definiscono intrattabili quei problemi per i quali non esistono strumenti in grado di approcciare la questione, né tantomeno per risolverla.

Il professore spiega inoltre che il problema migratorio è stato prodotto da due fattori principali.

Il primo, secondo Ferguson, è lo scontro tra i valori culturali dell’Occidente e dell’Islam, che difficilmente sono in grado di coesistere.

Ferguson spiega anche che  “la frontiera meridionale dell’Europa è quasi impossibile da difendere da flottiglie di migranti, a meno che i leader europei siano preparati a lasciarli annegare”.

Bloccare il flusso di migranti provenienti dall’Africa che vogliono raggiungere l’Europa è quindi estremamente difficile.

Il Mediterraneo infatti è definito dal professore come una frontiera indifendibile, a differenza di quanto accade negli Stati Uniti, che possono chiudere le frontiere con il Messico.

Intanto il ministro dell’Interno e vicepremier, Matteo Salvini, lunedì 25 giugno 2018, è volato a Tripoli, in Libia, per un vertice sul tema migranti con il suo omologo libico, Abdulsalam Ashour.

Nel corso del summit Salvini ha proposto alle autorità libiche di creare dei centri di accoglienza per i migranti nel sud del paese, punto inserito nel piano presentato dall’Italia al mini-vertice europeo sui migranti del 24 giugno.

Da settimane il ministro dell’Interno sta portando avanti la linea dura sui migranti, impedendo alle navi delle Ong di approdare nei porti italiani.

Dopo il caso dell’Aquarius, anche la nave Lifeline è ancora bloccata in mare dopo essere stata rifiutata da Italia e Malta e l’Ong ha dichiarato che chiederà alla Francia il permesso di accogliere l’imbarcazione carica di migranti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”
Esteri / Principe Andrea estromesso dalla famiglia reale per le accuse di abusi sessuali: “Decisivo il ruolo di William”
Esteri / Francia, Zemmour contro l’inglese: “Non deve essere più usato nell’Ue”
Esteri / Regno Unito, Ikea taglia l’indennità di malattia ai dipendenti non vaccinati costretti all’autoisolamento