Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libano, il porto di Beirut torna a funzionare dopo due settimane dalla maxi esplosione

Immagine di copertina
IL porto di Beirut riparte dopo l'esplosione che due settimane fa devastò la città

Libano, il porto di Beirut torna a funzionare dopo la maxi esplosione

Dopo poco più di due settimane dall’esplosione che martedì 4 agosto ha devastato la città di Beirut causando centinaia di morti e migliaia di feriti e sfollati, il porto della capitale del Libano torna a funzionare. Lo documenta il Corriere della Sera con un reportage sul campo. Le grandi navi hanno ripreso ad attraccare ormai già da una settimana, come riportano da Unifil (United Nations Interim Force in Lebanon) e l’Onu. E un flusso di aiuti vitali sta arrivando nella capitale per aiutare i suoi abitanti nella ripresa. Numerosi i contributi anche dall’Italia e nei prossimi giorni dovrebbe giungere nella capitale il ministro della difesa, Lorenzo Guerini.

La ripartenza del porto di Beirut è un faro di speranza in mezzo alle macerie di una città ferita, squartata. Si temeva infatti che l’intera zona portuale potesse rimanere paralizzata per mesi, se non addirittura per anni. “È una boccata d’ossigeno e di speranza”, hanno detto gli operatori commerciali. Stando ai dati ufficiali si pensa che il numero dei morti alla fine non supererà quota 200 mentre le persone che non possono tornare alle proprie case sono quasi 300.000.

Leggi anche: 1. “A Beirut, come a Damasco, è morta la speranza”: parla lo scrittore siriano Shady Hamadi /2. Libano, esplosione al porto di Beirut: incidente o attentato? Tutte le ipotesi

3. Dietro l’esplosione di Beirut il nitrato d’ammonio: cos’è e quali altri incidenti ha provocato /4. “L’esplosione di Beirut è una tragedia annunciata, quel porto è il simbolo della corruzione in Libano”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale