Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il presidente turco Erdogan: “Il mondo riconosca Gerusalemme come capitale della Palestina”

Immagine di copertina
Il presidente turco Erdogan durante il summit dell'Organizzazione di cooperazione islamica. Credit: YASIN BULBUL

Il leader palestinese Mahmoud Abbas ha definito la scelta di Trump “un crimine” che esclude gli Stati Uniti dal processo di pace

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan ha chiesto ai leader dei paesi musulmani di riconoscere Gerusalemme “capitale occupata dello stato della Palestina”, durante il suo discorso al summit straordinario dell’Organizzazione per la cooperazione islamica che si è tenuto a Istanbul mercoledì 13 dicembre 2017.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Erdogan ha detto che la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme capitale d’Israele è “nulla e inefficace” e ha accusato il paese ebraico di essere uno “stato del terrore”.

Il leader palestinese Mahmoud Abbas ha definito la scelta di Trump “un crimine” e ha aggiunto che gli Stati Uniti “si sono squalificati da soli dalla possibilità di avere un ruolo nel processo di pace”.

“Non accetteremo nessun ruolo degli Usa nel processo di pace”, ha detto Abbas al summit, citato dalla Bbc. “Hanno dimostrato di essere pienamente dalla parte di Israele”.

Leggi anche: Perché Trump su Gerusalemme ha fatto una cosa che nessuno aveva voluto fare?

Leggi anche: Cosa significa il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele?

Il 6 dicembre 2017 Donald Trump ha annunciato ufficialmente il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele, aggiungendo che presto l’ambasciata statunitense sarà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme.

Si tratta di una decisione storica, che porta con sé una scia di pesanti critiche da parte della comunità internazionale, la quale sostiene che la decisione non farà altro che allontanare la prospettiva di una pace duratura e fa sprofondare il Medio Oriente nell’ennesima crisi.

La decisione degli Stati Uniti ha dato vita a un’ondata di disapprovazione e scontento in tutto il Medio Oriente. I leader del movimento palestinese Hamas ha invocato una nuova intifada. Si sono registrate manifestazioni e scontri nel territorio conteso della Cisgiordania e a Gaza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”