Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni Usa 2020, sfida tra miliardari: Bloomberg scende in campo. Può essere davvero lui l’anti-Trump?

Immagine di copertina
Michael Bloomberg Credit: Ansa

Il 77enne ex sindaco di New York sta preparando i documenti per presentare la sua candidatura alle primarie dem in Alabama. L'accoglienza dei candidati democratici nei suoi confronti è gelida

Elezioni Usa 2020, Bloomberg candidato

C’è un nuovo elemento che potrebbe ribaltare le sorti delle Elezioni Usa 2020: la probabile candidatura del miliardario Michael Bloomberg. L’ex sindaco di New York potrebbe correre per la presidenza degli Stati Uniti perché, ha fatto sapere, i candidati democratici attualmente in corsa per la nomination del partito “non sembrano ben posizionati” per battere Donald Trump.

La candidatura annunciata sul NYT

“Se Mike deciderà di correre offrirà una diversa possibilità di scelta ai democratici fondata su conseguimenti unici, dalla guida della più grande città d’America alla creazione di un business dal nulla, fino alle sfide tra le più impegnative in America come filantropo di alto profilo”, ha riferito in una nota il collaboratore di Bloomberg, Howard Wolfson.

“Sulla base dei risultati ottenuti, la sua leadership e la sua capacità di unire la gente per guidare il cambiamento, Mike sarebbe in grado sfidare Trump e vincere”, ha assicurato Wolfson.

Secondo il New York Times e altri media statunitensi, il 77enne Bloomberg starebbe preparando i documenti per presentare la sua candidatura alle primarie democratiche in Alabama prima della scadenza fissata dallo Stato.

Secondo il New York Times e altri media statunitensi, il 77enne Bloomberg starebbe preparando i documenti per presentare la sua candidatura alle primarie dem in Alabama prima della scadenza fissata dallo Stato per oggi, venerdì. Secondo quanto fatto trapelare, Bloomberg starebbe flirtando con l’idea di scendere in campo da settimane ma non avrebbe ancora preso una decisione finale.

Elezioni Usa 2020, Bloomberg come candidato alternativo

Ma qual è l’attuale contesto nella politica statunitense a un anno dall’Election Day? La procedura d’impeachment che l’apparato dirigenziale del Partito Democratico ha avviato contro Donald Trump non solo rischia con ogni probabilità di risolversi in un nulla di fatto per quanto concerne l’obiettivo fondamentale di rimuovere il presidente in carica, ma anche di rendere inevitabile l’estromissione dalla corsa alla nomination del candidato verso cui Nancy Pelosi e i vertici dell’‘asinello‘ avevano riposto le maggiori speranze di riconquistare la Casa Bianca, vale a dire Joe Biden.

L’offensiva sferrata dai democratici contro Trump ha comportato l’accensione dei riflettori sul comportamento non certo irreprensibile tenuto dall’ex vicepresidente Joe Biden, reo di aver pesantemente approfittato della sua posizione di potere che ricopriva sotto l’amministrazione Obama per ricattare il governo ucraino e costringerlo a favorire gli affari privati di suo figlio Hunter.

La vicenda è peraltro andata a intersecarsi con il malore avvertito di recente dall’altro aspirante alla candidatura democratica, il liberal Bernie Sanders. All’inizio di ottobre, il senatore del Vermont è stato ricoverato in ospedale dopo aver accusato forti dolori al petto causati da un’occlusione ad una arteria, come acclarato dagli accertamenti medici. L’intervento condotto dagli specialisti, implicante l’inserimento di due stent, è stato portato a termine con successo ma il malore ha comunque prodotto l’inevitabile effetto di alimentare forti preoccupazioni sulle condizioni di salute del senatore (che se eletto, con i suoi 78 anni, sarebbe il più anziano presidente in carica nella storia degli Stati Uniti), vistosi costretto a interrompere la campagna elettorale.

Tutto ciò ha indotto l’establishment del Partito Democratico a moltiplicare gli sforzi per individuare un candidato alternativo, in grado di riscuotere il gradimento sia degli ambienti liberal che guardano con favore a Sanders che dei segmenti di elettorato collocati su posizioni più moderate, maggiormente inclini ad appoggiare una figura come quella di Biden.

Tanto più che i problemi di varia natura che entrambi gli aspiranti candidati in oggetto si sono trovati ad affrontare hanno agevolato la corsa di Elizabeth Warren, storica sostenitrice di misure radicali di carattere finanziario viste malissimo da Wall Street. E senza l’appoggio della grande finanza newyorkese, la strada che conduce alla Casa Bianca tende a farsi particolarmente difficoltosa da percorrere.

In tale contesto, la scelta dell’apparato dirigenziale democratico – che solo pochi anni fa ha dato prova di assai scarsa neutralità nei confronti dei suoi candidati sabotando deliberatamente la corsa alla nomination di Sanders per favorire Hillary Clinton – è ricaduta su Michael Bloomberg.

Perché l’ex sindaco di New York potrebbe battere Donald Trump

L’ex primo cittadino della Grande Mela, dal 2001 al 2013, è uno degli uomini più ricchi d’America. Eletto con il partito repubblicano, lo ha poi abbandonato rimanendo indipendente fino al 2018 quando si è iscritto al partito democratico.

Nonostante la sua ‘trasversalità’ politica (ha preso la tessera democratica a un anno di distanza dall’elezione di Trump), Bloomberg gode di grande popolarità, oltre che all’interno della comunità d’affari, sia tra l’elettorato repubblicano che in quello democratico (anche in virtù delle ricche sovvenzioni concesse alla campagna elettorale per le elezioni di medio termine, vinte dai democratici) e lo scorso marzo si era pubblicamente chiamato fuori dalla corsa alla nomination proprio per non ostacolare la scalata di Biden.

Ma le controversie venute a galla nei confronti di quest’ultimo potrebbero indurre Bloomberg a riconsiderare la sua decisione iniziale, e spingerlo a rientrare in gara. In particolar modo qualora nelle settimane successive i sondaggi dovessero confermare l’ascesa della Warren a scapito dell’ex vicepresidente di Obama.

Nei prossimi mesi se ne saprà di più, ma i democratici tenderanno con ogni probabilità a incrementare le pressioni sull’ex sindaco di New York per convincerlo a scendere in campo, anche alla luce del fatto che la stagione delle primarie democratiche prenderà avvio il prossimo 3 febbraio con il caucus dell’Iowa.

Bloomberg è percepito come un centrista da Wall Street, che considera Warren e Sanders due democratici troppo liberal per guidare il Paese.

Leggi anche:
> Usa 2020, primo test per Trump: nell’Election day 2019 i democratici si riprendono Virginia e Kentucky
> Elezioni Usa 2020, manca un anno: le incognite e i candidati
> Elezioni presidenziali Usa 2020: tutti i candidati alle primarie
> Impeachment Trump: la Camera del Congresso Usa approva l’inizio delle procedure di indagine

Impeachment contro Trump: il significato del termine e cosa rischia il presidente degli Stati Uniti

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari