Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni presidenziali in Siria, Assad si prepara al quarto mandato: per l’Onu il voto è illegittimo

Immagine di copertina
Al seggio per le elezioni presidenziali del 26 maggio 2021 in Siria. Credit: EPA/YOUSSEF BADAWI

L'Onu, gli Usa e l'Ue ritengono illegittime le elezioni e chiedono un processo politico per porre fine al conflitto e una nuova Costituzione

Si sono aperti oggi, mercoledì 26 maggio, i seggi elettorali per le nuove elezioni presidenziali in Siria, il cui esito in realtà appare scontato e che quasi certamente consegneranno a Bashar al-Assad, al potere dal 2000, un quarto mandato. Gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno già liquidato le elezioni come una farsa, mentre le Nazioni Unite hanno fatto sapere che il voto non rispetta le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che chiedono un processo politico per porre fine al conflitto, una nuova costituzione e libere elezioni sotto la supervisione dell’Onu.

La televisione di stato siriana questa mattina ha mostrato lunghe code che si stanno formando in diverse parti del Paese dove sono dislocati circa 12mila seggi. I risultati dovrebbero essere annunciati entro venerdì sera, a 48 ore dalla chiusura del voto. Gli sfidanti che hanno ottenuto il via libera della Corte costituzionale siriana per sfidare Bashar al-Assad sono il vicecapo di gabinetto Abdallah Salloum Abdallah e Mahmoud Ahmed Marei, un avvocato che guida il Fronte Oppositore Democratico, una coalizione di sei partiti formata nel 2018 e tollerata dal regime, che i leader dell’opposizione in esilio hanno spesso bollato come un’estensione del regime stesso.

La guerra civile siriana, che dal 2011 a oggi ha causato centinaia di migliaia di morti e ha sfollato, sia all’interno che all’esterno, oltre metà della popolazione, non si è ancora conclusa, ma grazie al sostegno di Russia e Iran Assad è riuscito a riprendere il controllo di gran parte del Paese. Quel che resta dei jihadisti dell’Isis è ormai confinato nel deserto e le altre formazioni ribelli sunnite, rimangono per lo più nella provincia settentrionale di Idlib. Le condizioni economiche del Paese rimangono molto deteriorate, soprattutto a causa del crollo della lira siriana.

Leggi anche: 1. “Dopo 10 anni di conflitto in Siria, Bashar al-Assad ha vinto. Torture e persecuzioni continueranno” /2.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)