Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni in Olanda, vince Mark Rutte: è premier per la quarta volta

Immagine di copertina
credit: ansa foto

Mark Rutte premier per la quarta volta: il primo ministro olandese ha vinto le elezioni con il suo partito liberale, il Vv, che con 35 seggi è arrivato primo tra i 17 che entreranno in Parlamento. Rutte si appresta così a governare il Paese per il quindicesimo anno consecutivo: sarà il leader più longevo d’Europa dopo Merkel e Orbàn.

Il premier dovrà ora formare una coalizione con il D66, partito di centro-sinistra che si è rivelato la vera sorpresa di questa tornata elettorale, guadagnando otto seggi in più rispetto alle elezioni del 2017 e sorpassando il partito euroscettico e anti-Islam di Geert Wilders, che invece ne ha persi 3.

“Mi aspettavo di più”, ha dichiarato Wilders ai giornalisti. Con 26 seggi e guidato dal ministro del commercio estero e della cooperazione allo sviluppo Sigrid Kaag, il progressista filo-europeo D66 ha ottenuto invece la più grande vittoria nella storia del partito, ottenendo consensi soprattutto fra i giovani delle città, strappando voti ai Verdi (nell’anno della svolta green) e alla sinistra. Saranno il partner primario della coalizione di Rutte.

“Gli elettori hanno dato al mio partito un massiccio voto di fiducia”, ha detto Rutte ai giornalisti nella sede del parlamento all’Aia. Un voto che infatti ha premiato il rigore del leader nonostante la gestione incerta della pandemia, che ha causato 16mila morti su 17 milioni di abitanti.

Rutte ha detto che è probabile che i negoziati per formare un governo di coalizione saranno fatti, oltre che con il D66, anche con il CDA (democristiani) del ministro delle finanze Wopke Hoekstra, che ha ottenuto 14 seggi. Sul tavolo del nuovo governo sempre l’emergenza legata al Covid-19, la campagna di vaccinazione e il malcontento popolare per le misure adottate, come il coprifuoco ed il lockdown.

Le urne sono state allestite in luoghi insoliti come il Museo Van Gogh di Amsterdam, alberghi, stazioni ferroviarie, chiese e centri in tutti l’Olanda, dove si è votato anche in bicicletta o in auto.

Leggi anche: 1. Ritratto di Mark Rutte, il “Signor no” del Recovery Fund 2. Olanda, il governo di Mark Rutte si dimette dopo lo scandalo dei sussidi per l’infanzia

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza