Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Messico svolta a sinistra: il candidato di sinistra López Obrador è il nuovo presidente

Immagine di copertina
Il neo-presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrado. AFP PHOTO / RONALDO SCHEMIDT

Sconfitto il partito Rivoluzionario Istituzionale, che ha dominato la politica messicana per quasi tutto il ventesimo secolo

Andrés Manuel López Obrador è il nuovo presidente del Messico. Il candidato di sinistra ha vinto le elezioni che si sono tenute domenica primo luglio 2018 raccogliendo circa il 53 per cento dei voti.

Sconfitto il partito Rivoluzionario Istituzionale, che ha dominato la politica messicana per quasi tutto il ventesimo secolo.

Lopez Obrador si era già candidato alla presidenza due volte, ma in entrambe le occasioni era stato sconfitto.

Candidato del partito Movimento di Rigenerazione Nazionale e sostenuto dalla coalizione Insieme Faremo la Storia, il neo-presidente era dato come ampiamente favorito alla vigilia, dopo aver condotto una campagna elettorale incentrata sulla lotta alla corruzione e ai trafficanti di droga e su una politica meno accomodante verso gli Stati Uniti.

“Tenderemo la nostra mano franca alla ricerca di un rapporto di amicizia e di cooperazione con gli Stati Uniti”, ha dichiarato subito dopo l’annuncio della vittoria.

Qquando gli e’ stato chiesto come reagirà se il presidente americano Donald Trump lancerà messaggi aggressivi contro il Messico, Lopez Obrador ha rifiutato di ingaggiare una polemica: “Agiremo con grande cautela, visto rappresentiamo il paese”.

La sua vittoria è stata riconosciuta dallo stesso Trump, che su Twitter si è congratulato: “Sono molto ansioso di lavorare con lui. C’è molto da fare per portare benefici sia agli Stati Uniti che al Messico!”.

Le elezioni

Domenica primo luglio in Messico si sono tenute sia le elezioni presidenziali sia quelle parlamentari per rinnovare entrambe le camere del Congresso ed eleggere centinaia di funzionari statali e municipali.

In tutto i candidati alle varie cariche sono oltre 3.500.

Il Congresso dell’Unione è formato dalla Camera dei Deputati e dal Senato della Repubblica. I deputati vengono eletti ogni 3 anni e i senatori ogni 6 anni.

Il Messico è una repubblica presidenziale federata in 31 stati liberi e sovrani e un distretto federale rappresentato dalla capitale, Città del Messico.

Il presidente è sia capo di stato che di governo e ha un mandato che dura 6 anni, senza possibilità di essere rieletto.

Dal 2006 al 2012 il presidente del Messico è stato Felipe Calderón Hinojosa, mentre dal 2012 il presidente è Enrique Peña Nieto, del Partito Rivoluzionario Istituzionale, che terminerà il suo mandato il 1 dicembre 2018.

Tra le urgenze principali che il nuovo presidente si troverà ad affrontare vi è il problema dei cartelli della droga e degli omicidi e la violenza legati al narcotraffico, e la dilagante corruzione, oltre alla riforma del sistema giudiziario e al problema della gestione dell’ordine pubblico.

I candidati

• Andrés Manuel López Obrador, del partito Movimento di Rigenerazione Nazionale. La sua coalizione, Insieme Faremo la Storia, è sostenuta dal Movimento di Rigenerazione Nazionale, dal Partito del Lavoro e dal Partito Incontro Sociale.

• Ricardo Anaya Cortés, del partito Azione nazionale. La sua coalizione Per il Messico al Fronte, è sostenuta dal Partito Azione Nazionale, dal Partito della Rivoluzione Democratica e dal Movimento Cittadino.

• José Antonio Meade Kuribreña, del partito Rivoluzionario Istituzionale. La sua coalizione, Tutti per il Messico, è sostenuta dal partito Rivoluzionario Istituzionale, dal partito Verde Ecologista del Messico e dal partito della Nuova Alleanza.

• Jaime Rodríguez Calderón, è un candidato indipendente e non è sostenuto da nessuna coalizione.

• Margarita Zavala, è una candidata indipendente non sostenuta da nessuna coalizione. È la moglie dell’ex presidente del Messico Felipe Calderón

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”