Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

India, governo tenta di eliminare la parità di genere nell’esercito: una sentenza della Corte suprema respinge il ricorso

Immagine di copertina
Soldatesse pattugliano il confine tra India e Pakistan. Credit: EPA/RAMINDER PAL SINGH

Adesso una donna potrà comandare un battaglione di 850 soldati e aspirare al grado di colonnello

India, governo tenta di eliminare la parità di genere nell’esercito: una sentenza della Corte suprema respinge il ricorso

La Corte suprema in India ha rigettato il tentativo del governo indiano di eliminare la parità di genere nelle Forze Armate, favorendo la componente maschile. In particolare, i giudici hanno riconosciuto che le ufficiali donne in ferma breve nell’esercito hanno diritto a passare al servizio permanente al pari dei colleghi uomini.

Il governo aveva presentato ricorso contro una sentenza del 2010 con cui la stessa Corte aveva riconosciuto alle donne ufficiali in ferma questa possibilità.

I volontari in in “ferma breve” o “prefissata” in India hanno la possibilità di restare nell’esercito per dieci anni, al termine dei quali possono ottenere una proroga di quattro anni, il passaggio al servizio permanente o il congedo. Il servizio permanente invece dura almeno 20 anni e consente un percorso di carriera fino al congedo.

Il ministero della Difesa nel 2019 aveva garantito solo in parte il rispetto della parità di genere. Limitava infatti il servizio permanente alle donne con 14 anni di ferma (non dieci) e comunque impediva loro l’accesso ai ruoli di comando.

Il governo ha fatto ricorso contro questa decisione facendo leva sulle differenze fisiche tra uomo e donna e sul fatto che militari provenienti dalle aree rurali non fossero “mentalmente pronti” a rapportarsi con donne in posizioni di comando.

Ma la Corte suprema ha giudicato la tesi priva di fondamento e confermato che il divieto assoluto per le nomine delle donne in posizioni di comando sarebbe discriminante. Le argomentazioni del governo – sostengono i giudici – perpetuano gli stereotipi di genere, disconoscono i meriti delle donne e offendono non solo loro, ma l’esercito stesso.

Nessun impedimento quindi: ora una donna potrà comandare un battaglione di 850 soldati e aspirare al grado di colonnello. Fanteria, artiglieria e mezzi blindati restano invece ancora preclusi alle soldatesse.

Leggi anche:

India, studentesse costrette a spogliarsi per provare di non avere le mestruazioni: “Una tortura”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice